Quotidiani locali

Muore mamma di due bimbi piccoli

Ruina, deceduta per un malore improvviso una 41enne portata all’ospedale con i sintomi di una forte influenza

RUINA. Silvia Callegari è morta sabato a 41 anni. Era una mamma, una moglie e una figlia e il dolore dei familiari non si riesce a raccontare. Alla notizia la comunità di Ruina è rimasta senza fiato, perché forse è vero che quando muore qualcuno emergono solo i ricordi più belli, ma è altrettanto vero che certe persone sono più belle e speciali di altre e Silvia Callegari era una di queste. La donna è morta sabato al Sant’Anna di Cona, dove era arrivata in ambulanza su consiglio della guardia media. La donna infatti da qualche giorno accusava malori apparentemente legati al comune virus dell’influenza. Nella giornata di sabato i sintomi sono diventati molto forti tanto che i familiari hanno deciso di chiamare la guardia medica e i dottori hanno consigliato un controllo in ospedale. Così la 41enne è stata caricata sull’ambulanza ma ha fatto appena in tempo ad arrivare in ospedale che il suo cuore non ha retto. Sarà solo l’autopsia a dare riposte, risposte che forse saranno anche inutili perché «tanto Silvia non c’è più», come dice con un soffio di voce la cugina Katia.

Timida, educata e gentile, la donna lascia due bambini piccoli, Anita di un anno e Nicola di cinque, il marito Alessandro e i genitori Gina e Francesco. Figlia unica, ha lavorato per qualche tempo con suo padre a Copparo, dove avevano una azienda metalmeccanica molto conosciuta a Copparo, la “Callegari”, chiusa quando il signor Francesco ha deciso di andare in pensione. Da quel giorno la donna si è dedicata in tutto e per tutto alla sua famiglia, ha deciso di fare la mamma a tempo pieno crescendo prima Nicola e poi la piccola Anita, arrivata portando una gioia immensa. Silvia Callegari non era una donna mondana, usciva poco e non ha mai aperto un profilo sui social. «Era dolcissima, la figlia che tutti vorrebbero avere diventata moglie e mamma a tempo pieno - va avanti la cugina - Una donna timida, di quella timidezza che piace e conquista. Vederla con i bambini era un piacere...non ci sono parole per descriverla».

«Mia moglie non riesce nemmeno a parlare - spiega con un filo di voce papà Callegari - Ci fa piacere che venga ricordata, le era speciale, speciale».

Silvia Callegari si è spenta ne giro di poche ore, la sua morte è stata un fulmine a ciel sereno, quanto di più lontano le persone vicino a lei potessero immaginare. Quella che sembrava una banale influenza, chissà per quale motivo, l’ha invece portata via. O forse sono state più cause insieme e il cuore non ha retto. La data dei funerali sarà resa nota subito dopo l’autopsia ma potrebbero anche essere fissati per domani o giovedì.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro