Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Dalle urne ferraresi escono 24 parlamentari

Tutti gli eletti candidati nei quattro collegi uninominali e nei tre proporzionali del territorio provinciale

Ferrara fa il pieno di parlamentari

I Cinque Stelle schierano in Parlamento l’avvocato modenese Stefania Ascari, eletta alla Camera. Trentasette anni, Ascari ha manifestato in più occasioni il suo impegno per il reddito di cittadinanza e per il contrasto del gioco d’azzardo. A Palazzo Madama ci sarà Michela Montevecchi, eletta nel collegio di Ferrara. Bolognese, 47 anni, non è alla sua prima esperienza parlamentare: nel 2013 era già stata eletta al Senato con i Pentastellati, prima della Circoscrizione Emilia Romagna poi diventare segretario del gruppo M5S al Senato. Suo collega di seggio sarà Marco Croatti, per gli amici Cruma, 46enne grafico pubblicitario riminese e attivista dell’associazione Grilli Pensanti. Eletti nel collegio del Senato per l’Alto Ferrarese i grillini Gabriele Lanzi e Lalla Mantovani, il primo, originario di Formigine e dipendente di un’azienda di Fiorano Modenese, la seconda, 52 anni, originaria di Carpi (Modena), lavora all’Università di Modena e Reggio Emilia.

Due gli eletti al proporzionale per Forza Italia. Resta al Senato l’avvocato bolognese Anna Maria Bernini, più volte parlamentare e già ministro per le Politiche Europee del quarto governo Berlusconi. Confermato anche Paolo Romani, milanese, ministro allo Sviluppo Economico del quarto Governo Berlusconi e capogruppo a Palazzo Madama per gli Azzurri.

Il deludente 4,13% totalizzato da Liberi e Uguali ha consentito alla formazione di Pietro Grasso di far eleggere un solo candidato al Senato nel collegio di Ferrara. A passare è stato solo il capolista Vasco Errani, l’ex Governatore della Regione Emilia Romagna e Commissario per il Terremoto, dimissionario nel 2014 a seguito dell’inchiesta Terremerse (poi assolto) e confluito poi nei bersaniani dopo la scissione all’interno del Pd. (a.m.)