Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Monticelli chiede un medico tutto suo

Segnalati i problemi dopo il pensionamento della Berro  Oggi un incontro con il sindaco, i dirigenti Asl e i dottori

MONTICELLI. «Sono andata via per il semplice motivo che dopo 29 anni di servizio, avendo riscattato anche i 6 anni di laurea, ho potuto raggiungere il traguardo della pensione. Ci tengo a specificarlo in quanto ho ricevuto varie telefonate nelle quali mi si chiedevano spiegazioni sul fatto che fossi andata via». Così l’ex medico di base Anna Berro che il 31 dicembre dello scorso anno ha concluso il suo servizio nell’ambulatorio di Monticelli. «Ogni giorno mi recavo da Ferrara a Monticelli pe ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTICELLI. «Sono andata via per il semplice motivo che dopo 29 anni di servizio, avendo riscattato anche i 6 anni di laurea, ho potuto raggiungere il traguardo della pensione. Ci tengo a specificarlo in quanto ho ricevuto varie telefonate nelle quali mi si chiedevano spiegazioni sul fatto che fossi andata via». Così l’ex medico di base Anna Berro che il 31 dicembre dello scorso anno ha concluso il suo servizio nell’ambulatorio di Monticelli. «Ogni giorno mi recavo da Ferrara a Monticelli per svolgere la mia attività. L’ho sempre fatto con scrupolo e dedizione e la porta dell’ambulatorio restava aperta ben oltre gli orari previsti. Sono rimasta male leggendo quella frase il medico va via che si presta a varie interpretazioni».

Dopo il pensionamento della Berro, l’Asl non ha inserito Monticelli quale zona carente e quindi la stessa non è stata sostituita. I pazienti se li sono suddivisi altri medici di base di Mesola e Ariano Ferrarese che effettuano le loro visite nell’ambulatorio di Monticelli i cui locali sono di proprietà del Comune di Mesola. I cittadini della frazione mesolana però sono sul piede di guerra per via della mancata sostituzione della Berro in quanto avevano a disposizione un medico di base tutti i giorni per un arco orario molto ampio, cosa che dall’inizio dell’anno non si verifica più e hanno protestato contro l’Asl recandosi a manifestare il loro dissenso anche al sindaco di Mesola, Gianni Padovani, il quale ha convocato una riunione per oggi alle 10, nella sala della delegazione comunale, con l’ Asl in merito alla sostituzione della Berro.

Alla riunione, oltre al sindaco, parteciperanno Romana Bacchi, direttrice del Distretto Asl Sud-Est, Sandro Guerra, direttore cure primarie e i medici di base del Comune di Mesola. «Chiederò - spiega il sindaco Gianni Michele Padovani - che l’Asl consideri l’area zona carente. Se prima c’era posto per sei medici di base ora perché non deve essere più così? È vero che a Mesola c’è un nuovo servizio di medicina di gruppo attivo dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19 ma chi abita nelle frazioni, specie in quelle più lontane, spesso ha difficoltà di spostamento ed ora è pur vero che l’ambulatorio di Monticelli continua ad essere aperto tutti i giorni ma con minore arco orario».(m.bar.)