Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Pubblica amministrazione Una casella anticorruzione

Copparo, il Comune apre una email di posta elettronica per le segnalazioni Si potranno evidenziare condotte illecite da parte di dipendenti nel lavoro 

COPPARO. Alla fine del 2017 nell'ambito del Comune di Copparo, è partita una serie di provvedimenti previsti nel piano nazionale anticorruzione 2018-2020. Tra questi provvedimenti è anche stata inserita una casella di posta elettronica, la whistleblower@comune.copparo.fe.it Al di là del nome complicato , si tratta di un termine inglese trasferito di peso nella realtà italiana che significa, più o meno, “quello che segnala con il fischio” , ed è il termine anglosassone per chi denuncia una qu ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

COPPARO. Alla fine del 2017 nell'ambito del Comune di Copparo, è partita una serie di provvedimenti previsti nel piano nazionale anticorruzione 2018-2020. Tra questi provvedimenti è anche stata inserita una casella di posta elettronica, la whistleblower@comune.copparo.fe.it Al di là del nome complicato , si tratta di un termine inglese trasferito di peso nella realtà italiana che significa, più o meno, “quello che segnala con il fischio” , ed è il termine anglosassone per chi denuncia una qualche mancanza della pubblica amministrazione, si tratta di un'opportunità che consentirà agli organi competenti di raccogliere informazioni e segnalazioni. Questa casella di posta elettronica, infatti, ha proprio scopo di raccogliere segnalazioni ed informazioni. In pratica, è una misura di prevenzione per l'applicazione delle nuove regole sulle segnalazioni, da parte dei dipendenti, di condotte illecite di cui il dipendente stesso sia venuto a conoscenza nell'ambito del rapporto di lavoro.

Lo scopo e l'intenzione sono assolutamente chiari: aiutare i soggetti dipendenti o collaboratori che, a conoscenza di un illecito, vorrebbero denunciarlo, ma non lo fanno per paura di ritorsioni sul lavoro. In un quadro più ampio ci si propone di ridurre le opportunità di corruzione, aumentare la capacità di scoprirla ed in senso lato creare un quadro generale, un contesto, sfavorevole alla corruzione. In caso ci sia una condotta illecita, qualsiasi dipendente pubblico potrà inviare una sua segnalazione al responsabile dell'Anticorruzione, oppure all'Anc, alle autorità giudiziarie e contabili, ovviamente a seconda della natura della segnalazione stessa, anche se non esiste una lista di reati o irregolarità che possono costituire oggetto di denuncia. Vengono considerate rilevanti le segnalazioni che riguardano comportamenti, rischi, reati o irregolarità, consumati o tentati, a danno dell’interesse pubblico con n azioni commesse o tentate su reati penalmente rilevanti (dalla corruzione e concussione fino alla violenza privata, passando per il falso, l'omissione di atti d'ufficio, la turbativa d'asta e molto altro, ma anche il mancato rispetto delle disposizioni per la tutela di sicurezza sul lavoro o per l'uso di beni dell'amministrazione per fini personali o illeciti che comportino danni per la pubblica amministrazione o per la collettività, alla salute dei cittadini e dei dipendenti, pregiudizio di immagine per l'ente o per i suoi componenti.

Alessandro Bassi