Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Dal Cadf 4,5 milioni per depurazione e protezione idrica

Diffondere la cultura sull’uso responsabile della risorsa idrica, favorire la tutela dell’ambiente e la valorizzazione del territorio, ma anche proseguire con gli interventi sulle reti per...

Diffondere la cultura sull’uso responsabile della risorsa idrica, favorire la tutela dell’ambiente e la valorizzazione del territorio, ma anche proseguire con gli interventi sulle reti per migliorarne la sostenibilità e l’efficienza. Sono gli obiettivi che si pone, in collaborazione con l’assemblea «che condivide la visione aziendale», la neo presidente di Cadf Spa, Maira Passarella. «Per questo il Cadf, oltre alla gestione del ciclo idrico, gestisce anche le saline di Comacchio, insieme al ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Diffondere la cultura sull’uso responsabile della risorsa idrica, favorire la tutela dell’ambiente e la valorizzazione del territorio, ma anche proseguire con gli interventi sulle reti per migliorarne la sostenibilità e l’efficienza. Sono gli obiettivi che si pone, in collaborazione con l’assemblea «che condivide la visione aziendale», la neo presidente di Cadf Spa, Maira Passarella. «Per questo il Cadf, oltre alla gestione del ciclo idrico, gestisce anche le saline di Comacchio, insieme al Comune ed all’Ente Parco. Un suggestivo ambiente naturalistico che accoglie, soprattutto d’estate, oltre mille alunni e 2.500 turisti, con attività didattiche di educazione ambientale». Si tratta però, puntualizza Passarella «di un’attività aggiuntiva rispetto al Centro Educazione Ambientale (Cea) di Serravalle, che ogni anno riceve la visita di almeno 6 mila studenti». Sugli investimenti, la presidente informa che, «per il 2018, sono stanziati 4 milioni e 500mila euro per l’effettuazione di tanti interventi in tutto il territorio di competenza». Nel dettaglio, a Comacchio sono i corso interventi di protezione idraulica dei Lidi Nord, per complessivi 6 milioni di euro, messi a disposizione da Cadf, Comune di Comacchio, provincia e regione. Si tratta di «due interventi ai Lidi Nazioni e Pomposa, per la realizzazione di vasche di laminazione per l’acqua piovana, per eliminare i frequenti allagamenti. I lavori di quest’anno prevedono una spesa, rispettivamente di 1 milione e 200 mila euro e di 770 mila euro». Sono in corso la progettazione esecutiva, con appalto dei lavori entro l’autunno, per un intervento sulla vecchia fognatura di Goro con una spesa di 600 mila euro. Un intervento sperimentale in corso a Gorino ed in via di conclusione, realizzato in collaborazione con UniFe, ha consentito l’installazione di contatori sperimentali che, oltre all’esatta quantificazione dei consumi, permettono di individuare tempestivamente eventuali perdite nell’impianto dell’utente. In questo ambito, evidenzia Passarella, «il Cadf ha istituito il Fondo fughe, finora fruibile solo dagli utenti domestici, ma da quest’anno esteso anche ad utenti non domestici entro una certa soglia, come uffici, negozi di vicinato ed altre piccole attività».

Tra gli altri interventi «stiamo eseguendo lavori sul depuratore di Migliaro, ormai desueto, per realizzare un nuovo collegamento con quello di Migliarino, per una spesa di 250mila euro, oltre ad nuovo tratto di fognatura a Ruina, che costa 250mila euro». Obiettivi, attività ed interventi, conclude la presidente, «che intendiamo portare alla conoscenza dei cittadini, intensificando la nostra attività di comunicazione e per stabilire un anche filo diretto per avvicinare l’azienda ai cittadini».

Piergiorgio Felletti