Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ferrara e Alto Ferrarese al top

Dati del Mef elaborati da Twig, in coda i comuni del Delta

Il comune di Ferrara è uno spartiacque fra una parte “più ricca” ed una “più povera” della provincia. È questo il chiaro risultato che disegnano i dati del Ministero dell’economia e delle Finanze, rielaborati in forma grafica da Twig., relativi alle dichiarazioni dei redditi del 2016.

Primo posto per reddito pro capite va al comune capoluogo con 21.933 euro e segue con un distacco di circa mille euro il comune di Cento (20.952) che apre la fila dei comuni dell’alto ferrarese. La terza posizio ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Il comune di Ferrara è uno spartiacque fra una parte “più ricca” ed una “più povera” della provincia. È questo il chiaro risultato che disegnano i dati del Ministero dell’economia e delle Finanze, rielaborati in forma grafica da Twig., relativi alle dichiarazioni dei redditi del 2016.

Primo posto per reddito pro capite va al comune capoluogo con 21.933 euro e segue con un distacco di circa mille euro il comune di Cento (20.952) che apre la fila dei comuni dell’alto ferrarese. La terza posizione è di Vigarano Mainarda che è sotto di più di mille euro dal secondo classificato (19.533). La quarta posizione è occupata da Terre del Reno con 19.399; i dati sono presentati già come comune unitario, nonostante nell’anno a cui fanno riferimento, il 2016, fossero ancora separati. Chiudono la serie dei comuni dell’alto ferrarese Poggio Renatico e Bondeno con rispettivamente 18.826 e 18.437 euro di reddito pro capite.

È poi Masi Torello a guidare la truppa dei comuni del “medio ferrarese” con 17.990, seguito da Argenta, Copparo, Portomaggiore e Voghiera che rimangono tutti sopra di 17.000 euro. Sotto questa soglia seguono Ro, Formignana, Fiscaglia, Codigoro, Ostellato, Tresigallo e Jolanda tutti sopra i 16.000. Di poco sotto Berra e Comacchio molto vicini con rispettivamente 15.760 e 15.708. Scendono sotto la soglia dei 15.000 Lagosanto, Mesola e Goro. I primi due distano di circa 500 euro, con il secondo che scende di poco sotto i 14.000 con 13.965; Goro invece registra un record negativo distaccando di oltre 4.000 euro Mesola, penultimo classificato: il reddito pro capite è di 9.411 euro, oltre undicimila in meno di Ferrara.

Interessante poi notare come, a differenza dei primi due posti, la classifica del numero di contribuenti non combaci con quella dei redditi pro capite. Per numero di contribuenti infatti i comuni dell’alto Ferrarese si attestano verso la metà della classifica e non nelle prime posizioni. Dimostrazione di questo fatto è che chiude questa classifica l’aprifila dei comuni dell’altro ferrarese nella classifica del reddito pro capite, ovvero Masi Torello.

Da segnalare infine che il comune di Ferrara, nonostante abbia il reddito più alto della provincia, si distanzi molto da quello dei comuni italiani più ricchi: i primi dieci hanno un reddito pro capite che va dai 45.393 di Lajatico, comune del pisano ai 31.564 di Vedano al Lambro in Brianza. Il reddito di Ferrara è in fatti poco al di sopra della media regionale che è di 21.269 soglia sotto la quale stanno tutti gli altri comuni del ferrarese. La regione Emilia Romagna ottiene però posizioni da record classificandosi al secondo posto a livello nazionale.

Alberto Ravani