Quotidiani locali

Muore mentre dorme accanto al marito

Lido Pomposa, malore fatale per un’agente immobiliare di 44 anni. Il dolore della comunità: era disponibile con tutti

LIDO POMPOSA. Lutto a Lido Pomposa per l’improvvisa scomparsa, a soli 44 anni, di Cinzia Bonafè, titolare con il marito Alessandro Melandri dell’agenzia immobiliare “Orizzonti” di viale Mare Adriatico. La donna, colta da malore fulminante nel sonno, è stata rinvenuta, ormai priva di vita, proprio dal marito, all’alba di ieri. Immediatamente è scattato l’allarme in via Moena, dove la coppia vive da anni, ma i soccorritori dell’automedica, giunti sul posto intorno alle 7.30 di ieri (8 giugno), non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. La notizia della prematura e improvvisa scomparsa di Cinzia Bonafè ha destato sgomento e sconforto anche a San Giuseppe dove vivono i genitori della giovane agente immobiliare, il papà Giuseppe, ex finanziere della Guardia di Finanza di Comacchio, ora in pensione, la mamma Ileana ed il fratello Massimo.

Cinzia Bonafè, che era anche membro del Comitato di Lido Pomposa, costituitosi dopo la chiusura del consorzio di commercianti locale, lascia anche una figlia, Lucia, di 20 anni. «Cinzia era una nostra cliente assidua - ricorda addolorato Valentino Remari, titolare del supermercato Despar di Lido Pomposa -; ha fatto la spesa qui anche mercoledì. Lavorava in agenzia con il marito e appena chiudevano, venivano spesso insieme a fare la spesa. Erano inseparabili, nella vita e nel lavoro. Per noi e per tutto il lido è un duro colpo - ha aggiunto Remari -; Cinzia era donna conosciuta e stimata da tutti».

Traccia un commosso ricordo anche Roberto Cavalieri, titolare dell’agenzia Danilo di Lido Pomposa, collega ed amico della giovane donna deceduta, molto probabilmente per un arresto cardio-circolatorio. «Cinzia era una persona riservata, umile, ma molto gioviale, disponibile con tutti - dichiara Roberto Cavalieri - e insieme a me e ad alcuni colleghi faceva parte del nuovo Comitato, creato per dare una mano ad Asbalneari nell’organizzazione di eventi». Nelle parole di Nicola Bocchimpani, presidente di Asbalneari, si coglie il dolore per una «morte che lascia l’amaro in bocca; Cinzia lascia un vuoto grande - aggiunge Bocchimpani -; era una operatrice che si dava tanto da fare per Lido Pomposa. È una perdita incolmabile. Sono molto vicino al marito Alessandro e alla famiglia». Sarà l’autopsia a stabilire le cause della morte improvvisa della stimata operatrice di Lido Pomposa.

Katia Romagnoli

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro