Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Destra Po e cacciatori Convivenza difficile

GoroNello scorso ottobre alcuni pedoni vennero impallinati, per fortuna senza gravi conseguenze, da un cacciatore a dir poco incauto nel tratto di percorso ciclabile della Destra Po che da Goro...

Goro

Nello scorso ottobre alcuni pedoni vennero impallinati, per fortuna senza gravi conseguenze, da un cacciatore a dir poco incauto nel tratto di percorso ciclabile della Destra Po che da Goro (Murina) porta a Gorino (Ponte di barche).

Una zona di “pre Parco”, che nel periodo di caccia vede una convivenza tra cacciatori, camminatori e ciclisti. Una convivenza non facile e un problema serio, visto che proprio l’inizio della stagione venatoria (16 settembre) coincide con il maggior afflusso d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Goro

Nello scorso ottobre alcuni pedoni vennero impallinati, per fortuna senza gravi conseguenze, da un cacciatore a dir poco incauto nel tratto di percorso ciclabile della Destra Po che da Goro (Murina) porta a Gorino (Ponte di barche).

Una zona di “pre Parco”, che nel periodo di caccia vede una convivenza tra cacciatori, camminatori e ciclisti. Una convivenza non facile e un problema serio, visto che proprio l’inizio della stagione venatoria (16 settembre) coincide con il maggior afflusso di persone e ciclisti.

Da allora, a quasi un anno di distanza, cosa è cambiato? Per la verità, nessun provvedimento è stato assunto.

Spiega il sindaco Diego Viviani, che fra l’altro ha anche la delega sulla caccia affronta l’argomento: «Effettivamente lo spazio tra la zona di caccia e la Destra Po desta qualche preoccupazione, visto anche quanto successo la stagione scorsa. Nei prossimi giorni - assicura il sindaco di Goro - incontrerò le associazioni della caccia per vedere di risolvere il problema e se c’è la possibilità con un provvedimento di aumentare la distanza tra la strada e la zona di caccia, anche perché la sicurezza dei cittadini viene prima di tutto».

Per Claudio Castagnoli, comandante della polizia provinciale, «il percorso sulla strada che costeggia il Po, che da Goro porta a Gorino, sotto l’aspetto naturalistico è una dei più belli in assoluto. Oggi le norme affinché chi passeggia su questa pista ciclo-pedonale lo possa fare in sicurezza ci sono, ma se non vengono rispettate, allora occorre prevedere maggiori distanze, che penalizzeranno i tanti cacciatori onesti per colpa di qualche doppietta non rispettosa delle regole». —

Odino Passarella

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI