Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’anima brasiliana di Gismonti accenderà piazzetta Trepponti

Sabato il pianista e chitarrista propone in concerto la sua miscela di musica “popolare” e “colta”

COMACCHIO. Sta ancora girando per il suo Brasile nei concerti del tour dei “primi” settant’anni. Ma domani dal Brasile prenderà l’area per giungere al Delta del Po, dove sabato alle 21.30 - in piazzetta Trepponti a Comacchio - porterà dal vivo la sua anima brasiliana, il suo “Brazilian soul”. È questo il titolo del concerto di Egberto Gismondi, uno dei massimi esponenti della musica brasiliana.

Il recital di Gismonti è uno degli eventi più attesi per gli appassionati nell’ambito della program ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

COMACCHIO. Sta ancora girando per il suo Brasile nei concerti del tour dei “primi” settant’anni. Ma domani dal Brasile prenderà l’area per giungere al Delta del Po, dove sabato alle 21.30 - in piazzetta Trepponti a Comacchio - porterà dal vivo la sua anima brasiliana, il suo “Brazilian soul”. È questo il titolo del concerto di Egberto Gismondi, uno dei massimi esponenti della musica brasiliana.

Il recital di Gismonti è uno degli eventi più attesi per gli appassionati nell’ambito della programmazione estiva, in questa sua tappa nazionale, a cui seguiranno concerti in diversi Paesi europei. La musica di Gismonti precisa i contorni di un Brasile musicale contemporaneo, dove sulla tela di fondo di una variegatissima tradizione si innestano le influenze del jazz, dell’improvvisazione e di certa musica colta.

Di madre siciliana e padre libanese, Gismonti ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di 6 anni. A 15 anni, si trasferisce a Parigi per studiare musica, tornato in Brasile apprende anche lo studio del flauto, grazie al quale scopre di poter allargare gli orizzonti rispetto alla classica, subendo le influenze di jazz, choro, bossa nova, rock e classica brasiliana. Negli anni ’70 studia anche la chitarra, riuscendo ad unire sempre più la musica “popolare” e quella “seria”.

Il concerto, a ingresso gratuito, è firmato Emilia Romagna Festival e Comune di Comacchio. In caso di maltempo sarà nella sala polivalente “San Pietro”, in via Agatopisto 7. —