Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Svuotano i cassonetti in cerca del cibo buttato dal supermercato

Succede sempre più spesso e l’area davanti al Lidl diventa una sorta di discarica. Il vicesindaco Baraldi: «Servono delle soluzioni»

PORTOMAGGIORE. Una storia decisamente triste, che da qualche tempo a questa parte si ripete fin troppo spesso nell’area davanti al supermercato Lidl di Portomaggiore. A quanto pare qualcuno cerca del cibo nei cassonetti e per farlo rovescia tutta la spazzatura.

Come tutti i supermercati, non potendo distribuire i generi alimentari che avanzano, dopo la chiusura i dipendenti del Lidl buttano la merce nei cassonetti. Non possono fare altrimenti. Una operazione ormai nota, tanto che qualcuno asp ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORTOMAGGIORE. Una storia decisamente triste, che da qualche tempo a questa parte si ripete fin troppo spesso nell’area davanti al supermercato Lidl di Portomaggiore. A quanto pare qualcuno cerca del cibo nei cassonetti e per farlo rovescia tutta la spazzatura.

Come tutti i supermercati, non potendo distribuire i generi alimentari che avanzano, dopo la chiusura i dipendenti del Lidl buttano la merce nei cassonetti. Non possono fare altrimenti. Una operazione ormai nota, tanto che qualcuno aspetta e quindi corre subito a prendere la roba, arrivando a rovesciare i cassonetti.

«Siamo al corrente della cosa - spiega il vicesindaco Andrea Baraldi - e siamo già intervenuti assieme alla proprietà per cercare soluzioni. I cassonetti erano sulla strada e sono stati spostati perché venivano puntualmente rovesciati e diventavano così pericolosi». Ma le cose non sono cambiate di molto, «adesso è il parcheggio ad essere piano di rifiuti - continua Baraldi - Arriveranno gli operai di Clara a pulire, ma intanto dalla Lidl stanno cercando delle soluzioni».

Alcuni generi alimentari, da un certo orario in poi vengono venduti a prezzi bassissimi, ma quello che resta non può essere distribuito all’esterno. E a qualcuno non resta che rovistare nella spazzatura per sfamarsi. Una situazione che si presenta non solo a Portomaggiore e non solo alla Lidl, tanto che altrove diverse realtà hanno optato per delle “gabbie” dove posizionare i cassonetti così da impedire l’accesso. Una storia triste, «ma che deve trovare soluzioni». —