Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Aprono gli asili, 41 bambini non in regola con i vaccini: rischio tensioni

Un asilo (foto d'archivio)

Per il Comune solo 5-10 famiglie potrebbero tentare il blitz. Ok tutte le autocertificazioni. Privati da monitorare

FERRARA. Sono rimasti davvero in pochi, «tra cinque e dieci», secondo i calcoli della task force dell’Istruzione scuola, i bambini frequentanti gli asili comunali che oggi rischiano di essere respinti alla porta per non aver assolto l’obbligo vaccinale. In realtà sono molti più, una quarantina, le famiglie che non hanno ancora presentato il certificato o l’autocertificazione valida fino al giorno della vaccinazione, ma per la maggior parte di loro la situazione è sotto controllo. «Nella scuo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

FERRARA. Sono rimasti davvero in pochi, «tra cinque e dieci», secondo i calcoli della task force dell’Istruzione scuola, i bambini frequentanti gli asili comunali che oggi rischiano di essere respinti alla porta per non aver assolto l’obbligo vaccinale. In realtà sono molti più, una quarantina, le famiglie che non hanno ancora presentato il certificato o l’autocertificazione valida fino al giorno della vaccinazione, ma per la maggior parte di loro la situazione è sotto controllo. «Nella scuola d’infanzia sono 17 i bambini che domani (questa mattina, ndr) non inizieranno la scuola - spiegava ieri sera Cristina Corazzari, assessore all’Istruzione - ma in gran parte sono di famiglie che faranno dopo gli inserimenti, per vari motivi, a partire dalle vacanze lunghe. Per quanto riguarda i nidi, invece, mancano 24 certificazioni e tra questi vi cono 19 nuovi inserimenti». Questi ultimi hanno più tempo per mettersi in regola con le iscrizioni, quindi non destano preoccupazioni.

Non è però esclusa la prova di forza da parte di qualche no-vax, e l’attenzione dell’Istituzione scuola resta alta.

Telefonate e controlli

Corazzari e la dirigente Donatella Mauro hanno passato l’intera giornata tra conteggi, controlli e telefonate alle famiglie, per informare e dissuadere da eventuali forzature. Nei giorni scorsi sono stati completati i controlli sulle autocertificazioni, che alcune famiglie avevano consegnato a seguito della lettera comunale di inizio agosto, prima del chiarimento regionale sulla inutilità di questo strumento ai fini dell’iscrizione. «Tutta la documentazione che ci è arrivata è stata valutata e possiamo dire che è al 100% veritiera: nessuno ha messo per iscritto falsità».

Anche in Comune è stato accolto con favore l’emendamento al decreto Milleproroghe che evita lo slittamento dell’obbligo vaccinale, «sono molto contenta di questa decisione - è la sottolineatura dell’assessore - credo si debba rendere merito a tutto coloro che, in Parlamento, si sono battuti per ottenere questo risultato, a partire dai Democratici».

Fuori dal monitoraggio dell’Istituzione scuola restano gli asili privati, che nelle settimane scorse avevano comunque denunciato un numero molto basso di mancate certificazioni: oggi è previsto comunque un incontro con l’associazione Fism per fare il punto.

A Ponte apertura differita

Sempre in tema di asili,da segnalare l’apertura differita dei due plessi comunali di Pontelagoscuro, per un totale di quasi cento bambini. La materna aprirà l’11 settembre, con le sue due sezioni, mentre le tre sezioni del nido saranno attive a partire dal 13 settembre. I motivi di questi ritardi sono stati spiegati ai genitori solo l’altro pomeriggio, nel corso di un incontro con l’Istituzione scuola: lavori di manutenzione molto impegnativi. Sono stati prospettate compensazioni nelle tariffe e periodo scolastico allungato a fine giugno, ma i malumori non sono mancati. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI