Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La fusione nel mirino «I consigli rispettino la volontà della gente»

RO E niente, la fusione tra Berra e Ro continua a sollevare dubbi da parte delle opposizioni, in particolare da Maria Cristina Felisati, capogruppo in consiglio comunale a Ro della lista Basta...

RO

E niente, la fusione tra Berra e Ro continua a sollevare dubbi da parte delle opposizioni, in particolare da Maria Cristina Felisati, capogruppo in consiglio comunale a Ro della lista Basta sprechi. Da sempre avversa a questo problema, la Felisati ha anche di recente presentato un’interrogazione consigliare per capire come si comporteranno i due consigli in caso di vittoria del “No” al referendum popolare di domenica 7 ottobre.

«Il referendum è consultivo non vincolante - spiega -, ma è co ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

RO

E niente, la fusione tra Berra e Ro continua a sollevare dubbi da parte delle opposizioni, in particolare da Maria Cristina Felisati, capogruppo in consiglio comunale a Ro della lista Basta sprechi. Da sempre avversa a questo problema, la Felisati ha anche di recente presentato un’interrogazione consigliare per capire come si comporteranno i due consigli in caso di vittoria del “No” al referendum popolare di domenica 7 ottobre.

«Il referendum è consultivo non vincolante - spiega -, ma è comunque essenziale per il futuro dei nostri due Comuni. Il voto dei cittadini domenica 7 ottobre è importante, perché la fusione passa con la maggioranza del “Sì” in entrambi i Comuni. Poi entro 60 giorni dal referendum i rispettivi consigli comunali delibereranno se rispettare o no la volontà dei cittadini. Nel nostro Comune alcuni consiglieri hanno preferito astenersi quando è stato presentato il progetto di fusione. Non vorremmo che lo stesso accadesse anche di fronte ad un voto contrario da parte dei cittadini».

Ad affiancare la Felisati in questo percorso avverso alle fusioni è Paola Marchi, ex presidente del consiglio comunale di Tresigallo, la quale ha lasciato la maggioranza proprio in conseguenza alla sua opposizione al progetto di legame con Formignana.

«I cittadini devono sapere che la Regione non obbliga alcun Comune a fondersi, per questo organizzeremo a breve un incontro pubblico per ribadire le motivazioni del “No”», conclude Felisati. Questo incontro dovrebbe tenersi venerdì 14 settembre. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI