Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 1 dicembre 2017

Un ragazzo di 16 anni si è suicidato in provincia di Reggio, si sospetta un caso grave di bullismo. Trieste, la vita di Andrea: ballerino in sedia a rotelle. Nadir, giovane studente di Mantova, ha scritto un libro. Il suo messaggio? "Ragazzi nella vita mettetevi in gioco". Le notizie di oggi dai quotidiani locali

Studente suicida a 16 anni, l'ombra del bullismo
Reggio. La Bassa piange un ragazzo di soli 16 anni che si è tolto la vita. Per rispetto dei principi deontologici, in particolare la Carta di Treviso, non faremo il nome del minorenne, né pubblicheremo la sua foto.
Dalle indagini è emerso che il pm Antonio Forte ha disposto accertamenti per il reato di istigazione al suicidio: si vuole verificare se il ragazzo sia stato vittima di atti di bullismo. (Gazzetta di Reggio)

Il ritmo contagioso di Andrea, ballerino in sedie a rotelle
Trieste. «Mi presento: mi chiamo Andrea e quella che leggerai è la mia storia ...». Non è l'incipit di un romanzo, non ancora perlomeno, ma il racconto della straordinaria avventura di un uomo coraggioso e speciale. Andrea Pisano, oggi 49enne, è costretto su una sedia a rotelle a seguito delle lesioni riportate dopo un grave incidente stradale. Una condizione che non gli ha però impedito di dedicarsi a quella che ha scoperto essere una grande passione: la danza. Sì perché, nonostante non possa camminare e muoversi autonomamente, Andrea volteggia sulla sua sedia accanto a Silvama, ballerina normodotata con cui fa coppia fissa. (Il Piccolo)

Cerca lavoro ma l'azienda la gela: «Troppo facile lavorare quando vieni pagata»
Pisa. «Facile lavorare quando ci sono i soldi, vero?». Quando questi poi non ci sono, dato che «lavorare stanca ma pagare le bollette di più», l’unica alternativa a un salario decente sembra essere un discorso molto simile a questo, assai familiare ai liberi professionisti: “Intanto lavora, se sei bravo poi qualcosa ci sarà per te”.

Scrittore a 17 anni. Il libro di Nadir coglie nel segno
Mantova. «Mettetevi in gioco, non abbiate paura di farlo, assecondate le vostre passioni». L'invito che parte da Taji Nadir, 17 anni, studente dell'Istituto Mantegna, è rivolto ai compagni di scuola e va a concludere una mattinata speciale, nel bel salone della scuola di via Guerrieri Gonzaga. Nadir non ha avuto paura di mettersi in gioco, e ha centrato l'obiettivo: ieri mattina ha presentato il suo primo libro, Torna a me. (Gazzetta di Mantova)

Rosignano per la solidarietà danza e comicità al Solvay
Ha l’intento di suscitare il sorriso e donarne uno a chi è meno fortunato: “Rosignano per la solidarietà” è uno spettacolo di musica, cabaret e danza che va in scena al Teatro Solvay domenica 3 dicembre alle ore 16. L’obiettivo è invitare il pubblico alla solidarietà e raccogliere fondi per consegnare un pacco natalizio ad ogni famiglia danneggiata dall’alluvione lo scorso 10 settembre. (Il Tirreno)

Picchia e fa catturare i rapinatori
Modena. Da subito altruista e generoso, nell'aiutare e nel soccorrere una donna caduta in bici e rovinata a terra al Novi Sad, poi sempre più determinato e forte del suo senso civico: ha capito che tre giovani stavano derubando la donna ferita e non si è tirato indietro, non ha lasciato fare, non è rimasto a guardare delegando ad altri la possibilità di un intervento. Li ha affrontati, ha sfidato i pugni, i calci e anche le bottigliate. Nonostante un dito fracassato nella lotta e i colpi ricevuti si è pure messo ad inseguirli, aiutando i poliziotti arrivati sul posto e che grazie alla sua azione, che in pratica ha rallentato se non bloccato la fuga dei rapinatori, hanno potuto raggiungerli ed arrestarli. Lui è Jean Bosco Babouni, un 40enne del Burkina Faso. (Gazzetta di Modena)

La scossa di Luciano: mi riprendo Benetton
Treviso. Si è mosso in autonomia, in barba agli uffici stampa della società. Ha chiamato un giornalista amico suo e, di Oliviero Toscani, ed è tornato in campo. Una irruzione, più che una scesa in campo. A 82 anni, Luciano Benetton riprende il timone dell'azienda che lui stesso fondò nel 1965: la United Colors. La decisione è stata annunciata da Luciano stesso in un'intervista pubblicata ieri da «La Repubblica» e i cui contenuti hanno lasciato di stucco tutti, familiari inclusi.

Movida, una sala in centro per chi ha bevuto troppo
Pavia. Una sala nel cuore della città per accogliere e aiutare i ragazzi della movida che hanno bevuto troppo e non possono mettersi in auto senza rischiare la vita. (La Provincia Pavese)

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori