Quotidiani locali

Vai alla pagina su Festival di Sanremo 2018
Festival di Sanremo. Baglioni: Sarò pochissimo sul palco, come un sacrestano

Festival di Sanremo. Baglioni: "Sarò pochissimo sul palco, come un sacrestano"

Il direttore artistico e conduttore racconta di aver acconsentito al ruolo dopo tre no. "Se la Rai ha scelto me è perché ha voluto dare un segno di discontinuità con il passato: sarà un festival 0.0.", annuncia

Sanremo 2018, Baglioni: "Sarò sul palco come un sacrestano" Claudio Baglioni, direttore artistico di Sanremo 2018, presenta il suo festival: non svelando chi sarà sul palco accanto a lui, ma confessando che "mi fa paura il palco di Sanremo, spero di salirci il meno possibile: come un buon sacrestano". Sarà, spiega, un festival che guarda al futuro, "e visto che è l’edizione numero 68 mi piace pensare che abbia dentro proprio gli ideali che avevamo nel ’68". E conclude scherzando: "Ce la metteremo tutta, ma se alla fine andrà male, vi comunico che sono architetto, quindi ricordatevi di me se avrete bisogno di ristrutturare il bagno"(video di Giulia Destefanis)


Un festival 0.0, di cui sarà il sacrestano. E che in qualche modo rievocherà il '68. Claudio Baglioni, corteggiatissimo direttore artistico e conduttore della prossima edizione di Sanremo ("Ho detto tre no prima di accettare") sceglie queste parole e immagini per raccontare il suo Festival, in onda su RaiUno dal 6 al 10 febbraio prossimi. "Se la Rai ha scelto me - dice in conferenza stampa, tra un aneddoto e una battuta - è perché ha voluto dare un segno di discontinuità con il passato". In questo senso, per segnare uno stacco da Carlo Conti e da chi lo ha preceduto, ha pensato a un "festival 0.0", non nel segno della tradizione, né in quello dell'evoluzione, non un evento- vetrina, tanto meno provinciale. Anche se musica e parole, come sempre, faranno da stelle polari. Baglioni vede un segnale nel fatto che si tratti dell'edizione 68, numero che rimanda a un anno che ha rappresentanto "l'ultimo momento di un sogno comune".

Le iniziali perplessità, racconta, erano dovute alla paura, una paura enorme, che si augura di convertire in adrenalina. "Tutto nasce dall'insensatezza di quando si arriva al finale di carriera: e così - spiega - mi sono concesso il lusso di dire sì". Ospite a Sanremo due volte, deduce, non c'è due senza tre. Da conduttore promette invece una presenza sul palco ridotta al mimimo, vuole "fare il sacrestano, accendere le candele all’inizio e chiudere la chiesa quando sono andati via tutti".

Il cambio di rotta del Festival firmato dal popolare cantautore si scorge anche nella composizione del cast selezionato, per certi versi originale, con qualche sorpresa e comunque di qualità. Tra i venti scelti, Elio e le Storie Tese che qui celebreranno il loro addio alle scene, anche se il loro brano si chiama "Arrivedorci". I Pooh sono in gara ma separati, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli da una parte, Red Canzian dall'altra. Incuriosisce il prestigioso duo Enzo Avitabile-Peppe Servillo; torna all'Ariston Luca Barbarossa, con un pezzo dal titolo romanesco, "Passame er sale" e Ron con un pezzo scritto da Lucio Dalla. Sorprende il ritorno dei Decibel, che avevano debuttato al festival nel 1980, ma non quanto il trio formato da Ornella Vanoni, Bungaro e PacificoMario Biondi questa volta canterà in italiano, come tutti. Per la "quota giovani" arrivano i Kolors. Nina Zilli, Annalisa e Noemi hanno alle spalle più di un festival. Giovanni Caccamo, Renzo Rubino ed Ermal Meta a Sanremo devono la loro popolarità, e qui tornano, quest'ultimo in coppia con Fabrizio Moro. Max Gazzè si presenta con una canzone che già nel titolo promette di sviare dalle rime più trite: "La leggenda di Cristalda e Pizzomunno". Diodato si esibirà con Roy Paci. La band Lo Stato Sociale potrebbe sorprendere. Le Vibrazoni, si ritrovano.

Ai Big, questo sì da tradizione, si aggiungono i Giovani: Lorenzo Baglioni, difensore dell'uso corretto del "Congiuntivo", Eva, Giulia Casieri, Mirkoeilcane, Mudimbi, Ultimo e  i due vincitori di Area Sanremo, Leonardo Monteiro e Alice Cairoli.

Sanremo 2018, Mirkoeilcane e la canzone sui migranti: "Simbolico cantarla a un passo da Ventimiglia" Ha scelto un tema difficile da raccontare in musica, quello dei migranti, ed è stato premiato: con la canzone Stiamo tutti bene sarà una delle nuove proposte in gara al Festival di Sanremo 2018. Mirko Mancini, cantautore romano classe 1986, in arte Mirkoeilcane, spiega perché ha scelto questo tema e quanto sia simbolico cantare la sua canzone a Sanremo, a un passo dal confine e da Ventimiglia: dove il dramma dei migranti, quelli in fuga verso la Francia ma respinti, si consuma ogni giorno (videoservizio di Giulia Destefanis)


La battuta migliore sul cast, per ora, quella di Piero Pelù, nella giuria di Sarà Sanremo: "Ci sono tutti i generi, c'è varietà. Sembra di essere al primo maggio".

Sanremo 2018, Piero Pelù: "Mi sembra di essere al concerto del Primo maggio" Così Piero Pelù, in occasione della presentazione dei big in gara al Festival di Sanremo 2018, plaude alle scelte del direttore artistico Claudio Baglioni(video di Giulia Destefanis)

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro