Quotidiani locali

Vai alla pagina su Benessere
Bambini, come scegliere i prodotti per la pelle

Bambini, come scegliere i prodotti per la pelle

Detergenti, creme lenitive, shampoo, profumi. Sugli scaffali di farmacie e grandi magazzini abbondano e si diversificano i prodotti cosmetici per i più piccoli. Sono davvero essenziali? Quali sono quelli di cui non possiamo fare a meno e quali sono da evitare? Lo abbiamo chiesto alla dermatologa dell'Idi di Roma Marcella Ribuffo

Bambini, come scegliere i prodotti per la pelle Il mercato dei prodotti per la pelle per gli under 12 è in piena espansione. Dal bagnetto alla prima crema per il viso, la dermatologa dell'Idi Marcella Ribuffo ci aiuta a capire come sceglierli a seconda della fascia d'età (di Cinzia Lucchelli)


Leggere bene l’etichetta per evitare la presenza di determinate sostanze e orientarsi verso un prodotto che sia testato. Queste le due regole di base per scegliere prodotti cosmetici per i bambini in un mercato in continua espansione. “Oggi esistono linee sicure che le mamme possono usare con tranquillità - dice la dermatologa Marcella Ribuffo, dirigente medico dell'Idi di Roma –. La pelle dei neonati, in particolare, è delicata perchè non ha ancora un sistema di difesa come quella dell’adulto. Sono pochi i prodotti essenziali: un detergente che faccia anche da shampoo e una crema protettiva dopo il bagnetto". 

Le sostanze da evitare
Il primo passo da fare è leggere con attenzione quali sono gli ingredienti presenti nei prodotti cosmetici. La lista si trova sul prodotto stesso; non è facile da decifrare, se occorre meglio chiedere aiuto al farmacista. "Vanno individuati ed evitati tutti i derivati dei siliconici e del petrolio, i peg (presenti come emulsionanti), la formaldeide e i tensioattivi. E i profumi". In alternativa si possono scegliere prodotti che contengono sostanze che derivano dalla natura, come aloe, calendula, estratti della camomilla. Non irritano la pelle. Un discorso a parte merita il borotalco, oggi guardato con sospetto. "Non va inalato oppure va scelto a base di amido di mais o di riso, sostanze che possono essere usate anche durante il bagnetto", si raccomanda la dermatologa.

I neonati
Il bagnetto è essenziale perché idratante. Va detersa anche la testa, per contribuire alla riduzione della formazione della crosta lattea. Fatto con sostanze emollienti, polveri e latti derivati da avena, mais, riso, addolcisce e idrata la pelle. Dopo il bagno la pelle del neonato va asciugata molto bene, soprattutto nelle pieghe ascellari, inguinali e tra le dita dei piedi, per evitare fattori irritative. Sarebbe meglio, consiglia la dermatologa, non lavare il neonato ad ogni cambio pannolino; "si può usare un latte detergente, asciugare bene, mettere il talco privo di estratti calcarei nelle pieghe e sul corpo e nella zona genitale paste protettive. Quelle oggi in commercio sono molto controllate, fanno da barriera tra pelle e pannolino senza essere occlusive". Le salviette umidificanti vanno usate solo in emergenza, meglio se a base di sostanze naturali, senza alcol e senza profumi.

I bambini
Devono imparare a detergersi con un gel. Il viso andrebbe pulito di sera più che di mattina. Per la doccia possono usare basi lavanti che fanno da shampoo e da bagnoschiuma, testati e privi di tensioattivi, senza parabeni e sostanze aggressive. Meglio con ph acido, perchè un bambino può iniziare a produrre degli ormoni dunque avere una pelle un po' più grassa. Dopo la doccia non è necessaria l’applicazione di una crema: la pelle si è formata e non ha bisogno di protezione come quella dei neonati.

12-13 anni
La dermatologa consiglia di cominciare ad usare una crema per il viso quando ci si comincia a truccare. Se a 12-13 anni ancora non ci si trucca la beauty routine può comprendere latte detergente, acqua termale e una crema molto leggera nei mesi freddi. La pelle comincia a produrre sebo e compaiono i primi peli. Tra sebo e sudore si produce una prima macerazione batterica che può essere più o meno intensa come odore e quantità. E’ il momento giusto per insegnare ai ragazzi una buona detersione e l’uso del deodorate. Deve essere testato, privo di profumi e di sali di alluminio. "Attenzione anche ai capi di abbigliamento: con cotone e colori chiari la pelle è più sicura".

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori