Quotidiani locali

Lancia la figlia dal viadotto della A14 poi si suicida. Forse ha ucciso anche la moglie

Francavilla a Mare: Fausto Filippone, 49 anni, per ore ha minacciato di gettarsi e poi si è lanciato. Morta sul colpo la bimba, Ludovica, di 10 anni. La moglie era deceduta la mattina stessa dopo essere precipitata dal balcone

FRANCAVILLA AL MARE. Uccide la figlia e poi si lascia andare nel vuoto morendo sul colpo dopo essere rimasto sette ore appeso sul bordo di un viadotto della A14, a Francavilla al Mare (Chieti) da dove aveva gettato la bambina, di 10 anni. Sotto il corpo della ragazzina, esanime, come il medico legale aveva potuto già constatare. Fausto Filippone, 49 anni, dirigente della ditta Brioni, muove i fili di una tragedia familiare che inizia a Chieti Scalo.

Da un balcone precipita la moglie di Filippone, Marina Angrilli, 51 anni, classe '67. Muore dopo la corsa in ospedale per le gravi lesioni riportate. In corso la ricostruzione della dinamica della caduta. Tra le ipotesi quella di un femminicidio. Lei insegnante di lettere al liceo scientifico di Pescara, il Leonardo Da vinci, lui dirigente della ditta Brioni. Il matrimonio nel 2006, poi la nascita della bambina nel 2008.

Tutto si svolge rapidamente, in una domenica di ordinaria follia. Le notizie si intersecano. Arrivano le immagini di lui abbarbicato fuori dal parapetto del viadotto aggrappato a una rete. Arriva la polizia che lo fa desistere dal tentativo di lanciarsi. Arriva un mediatore poi anche la sorella. Si cerca di far rientrare l'uomo. Si tratta. Le ore passano. Subito si vede il corpo della bambina nel fondo del viadotto a 30-40 metri. Il medico è in grado di constatare che è morta sul colpo. Lui non vuole che nessuno si avvicini al corpo della figlia.



"Scusa, scusa", urla a intervalli. Intanto arrivano i cronisti e le telecamere. Le immagini sono agghiaccianti. Arriva la notizia della donna morta dopo la caduta del balcone. Si ricostruiscono le loro identità e si comincia a capire la dinamica di una serie di eventi drammatici concatenati uno dentro l'altro. Tutto inizia intorno alle 13,30.

Chi passa a quell'ora sul viadotto dà l'allarme. Per tutto il giorno l'area è un continuo viavai di curiosi. Le piccole strade di campagna sono bloccate a causa delle tante automobili presenti. Persone cercano di raggiungere la zona a piedi. Ci sono tanti ragazzi, anziani, famiglie con figli piccoli. C'è chi scatta foto, chi fa video e chi fa dirette sui social. Ci sono addirittura dei ragazzini che, in bici, riescono ad avvicinarsi al punto in cui si trova il corpo della piccola. Per le forze dell'ordine è un continuo richiamare ed allontanare i curiosi, che chiedono di sapere, di vedere.

Alcuni si confrontano su come andrà a finire, altri si informano su chi sono le persone coinvolte. Sette ore di attesa lunghissime, di interminabili trattative con le forze dell'ordine. Poi alle 20 l'uomo si getta. Stavano allestendo in telone gonfiabile ma Filippone muore sul colpo. La caduta della moglie è avvenuta dal secondo piano. Nessuno dei condomini, dalle testimonianze raccolte finora, avrebbe visto il copro precipitare nel cortile da un'altezza di circa 10 metri ma alcuni hanno sentito un urlo.

Circa due mesi fa l'uomo aveva perso la madre, si è appreso. La zona è impervia. L'uomo, secondo quanto ricostruito, voleva lanciarsi da subito. Poi è stato fermato. «Scusa, scusa», ha ripetuto più di una volta. Frasi sentite a 30 metri da sotto il viadotto della A14, in contrada Vallemerlo a Francavilla al Mare. La figlia Ludovica e la mamma non ci sono più da ore. Lui decide e si lancia. Sconvolta un'intera comunità. Sia alla Brioni dove i dirigenti non vogliono parlare sia al liceo dove insegnava Marina Angrilli.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro