Quotidiani locali

basket a1/F

«Meccanica Nova, le difficoltà erano previste e volute»

VIGARANO MAINARDA. Nel quadrangolare di San Martino di Lupari (PD), con tutte squadre di A1, la Meccanica Nova Vigarano ha dovuto accontentarsi della quarta posizione. Il test era molto impegnativo,...

VIGARANO MAINARDA. Nel quadrangolare di San Martino di Lupari (PD), con tutte squadre di A1, la Meccanica Nova Vigarano ha dovuto accontentarsi della quarta posizione. Il test era molto impegnativo, visto che due delle partecipanti, Venezia e Napoli, quest’anno affronteranno anche l’Eurocup, e le padrone di casa lo scorso campionato sono arrivate terze, candidandosi ancora ai piani alti.

L’obiettivo era proprio vedere come avrebbero reagito le biancorosse contro avversari molto tosti. Con San Martino, sconfitta per 88-55, Vigarano ha faticato molto, senza mai essere in partita. Diversa la prestazione contro Venezia, match in cui la Meccanica Nova ha dimostrato carattere e ottimo gioco di squadra, mettendo a dura prova la squadra Veneta, specie nel primo tempo. Dopo aver chiuso sul 14 pari il primo quarto, all’intervallo lungo Venezia era avanti solo di 5 (37 a 32). Nel secondo tempo, particolarmente nell’ultimo quarto, la squadra ha però accusato un forte calo atletico, perdendo 66-46.

«A questo punto della preparazione - spiega il dg Ennio Zazzaroni -, visto il gran lavoro svolto, ci aspettavamo che la squadra accusasse un calo fisico e di tensione. Abbiamo volutamente scelto di affrontare squadre molto più attrezzate per evidenziare i problemi e capire su cosa dover lavorare maggiormente in queste due settimane che ci separano d all’avvio del campionato».

Malgrado il doppio impegno del fine settimana, coach Marco Savini ha concesso un solo giorno di riposo alla squadra e da oggi sono riprese le doppie sedute quotidiane d’allenamento.

«Ci è servita l’esperienza di sbattere la faccia contro squadre che sono tra le prime della classe. Non dobbiamo arrabbiarci - afferma Federica Tognalini - e neppure demoralizzarci, ma, essendo una squadra giovane, ci deve servire da stimolo per lavorare sempre con intensità e impegno per migliorarci. Il nostro coach ha deciso di mettersi e metterci di fronte a una sfida, quella di applicare in campo un gioco basato sulla lettura dei movimenti nostri e degli avversari: l’abbiamo accettata e vogliamo vincere. Per questo lavoreremo per riuscire a capirci sempre più tra di noi e raggiungere il massimo dell’amalgama».

Buone notizie dall’infermeria: il capitano Gloria Vian è guarita dai problemi muscolari e ritorna ad allenarsi.

Giuliano Barbieri

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro