Quotidiani locali

Disfatta Sant’Agostino il crollo in tredici minuti

Troppo forte la Virtus Castelfranco, nemmeno un quarto d’ora e la gara è chiusa Sterile reazione dei locali: l’ex Giuriola ci prova con tiri da lontano, ma non serve

SANT’AGOSTINO . Il Sant'Agostino affonda in casa al cospetto di una Virtus Castelfranco seconda in classifica che archivia la pratica nei primi tredici minuti di gioco, concedendo poi le briciole ai ragazzi di Ghedini. I padroni di casa schierati con il classico 3-5-2 non hanno saputo reagire al doppio svantaggio, faticando ad essere pericolosi in zona offensiva; come dirà poi anche il mister negli spogliatoi non c'è davvero stata partita nell'arco dei novanta minuti. Pronti via la gara - di per sé una scalata assai ripida - si mette ulteriormente in salita; passano 50 secondi e Martina accarezza il pallone, se lo sposta sul piede preferito e fulmina dal limite dell'area Costantino con una saetta imparabile.

Gli ospiti corrono e pressano, sono la squadra certamente più compatta tra quelle viste finora al “Comunale”. Al 12' dopo un'azione in verticale a due tocchi un intervento scomposto della retroguardia di casa su Formato, quando forse era meglio accompagnare l'avversario sul fondo invece di entrare in ritardo, causa un rigore. Dal dischetto si presenta Valim: il suo sinistro viene respinto sul palo da un super colpo di reni del portierone locale, ma sulla ribattuta è il numero 11 di Cristiani il più lesto di tutti a calciare in rete il pallone per l'impietoso doppio vantaggio.

Iazzetta prova a suonare la carica e i ramarri alzano il baricentro, l'occasione più nitida per accorciare le distanze arriva al 22' quando su conclusione a botta sicura di Ganzaroli, Carroli si supera deviando in corner e contestualmente infortunandosi nell'intervento. Qualche brivido per il nuovo entrato Pagani arriva esclusivamente sui piazzati, come al 36' quando Molossi non trova la deviazione vincente a pochi metri dalla porta.

Nella ripresa, l’ex Giuriola ci prova tre volte dalla distanza, tuttavia le sue conclusioni non trovano mai lo specchio della porta; Ghedini le prova tutte inserendo ogni giocatore offensivo presente nella propria panchina. Purtroppo per i tifosi di casa cambiando gli addendi non varia il risultato, anzi sono gli ospiti a sfiorare più volte il colpo del k.o in contropiede dove Costantino mette svariate pezze sui tentativi dei soliti Formato, Valim e compagnia bella. In particolare è miracoloso nel respingere una conclusione insidiosissima di Macchiaroli a pochi metri dalla porta.

Ultima di mercato: i ramarri hanno ingaggiato Lama Diallo, giovane che arriverà dallo Sporting Argenta.

Alessandro Ferri

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista