Quotidiani locali

Argentana, un tocco di euforia «Stiamo risalendo»

La netta vittoria con il Massa Lombarda porta il sereno Pagani: «Abbiamo dettato legge ed ho pure segnato»

ARGENTA . Giustificata euforia, in casa Argentana, dopo il netto 3-0 sul Massa Lombarda. Un pomeriggio in cui le note positive sono state tante: dall’ottima prestazione di squadra alla terza gara consecutiva senza subire gol; dalla ritrovata incisività dei fuoriquota, al primo gol stagionale di Pagani. In un momento della stagione in cui mister Rambaldi è costretto a fare i conti quotidianamente con l’emergenza, i granata vincono, dunque, una partita chiave, sfruttando al meglio un errore della retroguardia romagnola in occasione della concessione del rigore poi trasformato da Folegatti e archiviando successivamente la pratica con due gol di pregevole fattura nella ripresa.

Uno di questi ha portato la firma di capitan Pagani, che finalmente si è sbloccato: «Non ci stavo più dentro con la testa - ammette il numero dieci granata - dovevo assolutamente sbloccarmi. Avevo già conquistato tre rigori, c’ero andato vicino diverse volte nelle ultime giornate, per fortuna stavolta è arrivata la palla giusta. Sono molto contento». Pagani applaude la prestazione della sua squadra, in cui lui sta recitando un ruolo diverso da quello naturale: «Era una partita da vincere, abbiamo dettato legge dal primo minuto, senza mai subire. Poteva finire con un risultato anche più ampio, ma quello che conta sono i tre punti, che ci permettono di risalire la classifica. In campo stiamo trovando i giusti equilibri, anche alla fine eravamo tutti a difendere per non prendere gol. Credo sia una cosa molto importante. In questo momento, abbiamo diversi infortunati, per cui il mister mi schiera da “falso nueve”. Pur non essendo il mio ruolo, lo faccio molto volentieri, mi piace e qualche occasione riesco comunque a crearla».

In vista della prossima gara a Russi, Rambaldi spera di poter recuperare Luciani, che ha ormai smaltito l’infortunio, mentre per Migliari e Tumolo bisognerà ancora aspettare. Se, per il primo, si parla di un rientro a fine novembre, per l’attaccante i tempi sono più lunghi, dato il guaio al legamento collaterale del ginocchio, per il quale sta cercando di recuperare senza ricorrere all’intervento chirurgico.

Daniele Carnaroli

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista