Quotidiani locali

Il Mantova sciupa la grande occasione: solo un pareggio

Avvio scoppiettante, ma il Pizzighettone resiste in dieci L’Fc se la prende con l’arbitro per un rigore dubbio

PAVIA. Una giornata “tipo” al grest della parrocchia di Mirabello, alle porte di Pavia nord, inizia alle 9.30 con la canzone “Battibaleno” seguita dall’applauso collettivo dei piccoli partecipanti. Subito dopo, due o tre bambini escono dal gruppo e leggono a turno un piccolo brano dal libretto del grest poi commentato dal parroco don Antonio Razzini. Il don lancia il suo messaggio del giorno, poi raduna tutti attorno a sè per un “Padre Nostro” e dà il via alle attività: il lunedì, il mercoledì e il giovedì ci sono gioco libero e di squadra in oratorio, laboratori e preparazione per lo spettacolo di fine grest (venerdì 8 luglio), il martedì si va in piscina all’Onda Splash di Bereguardo e, questa settimana, venerdì è in programma la gita a Movieland.

Quest’anno i bambini sono 106 – l’80% delle elementari, il 20% delle medie – e per le attività vengono divisi in quattro gruppi, trasversali per età, che hanno nomi legati al tema del tempo: “Orologi”, “Lancette”, “Minuti” e “Ore”.

A seguire i più piccoli sono una ventina di animatori volontari delle scuole superiori, che fanno riferimento al giovane capo animatore Paolo Paciolla, studente.

Gli animatori tengono il corso di chitarra per bambini e ragazzi – dice don Antonio - e l’idea riscuote molto successo, perchè suonare la chitarra è la maniera più vecchia del mondo per fare gruppo.

Anche il pasto è di tutto rispetto, grazie al fatto che la mensa è interna e ai fornelli ci sono la signora Franca e altri tre volontari-chef, che cucinano menù semplici e genuini.

Il costo di una settimana al grest di Mirabello, dalle 9 (le 7.30 per chi frequenta il pre-grest, durante il quale gli animatori si turnano all’accoglienza) alle 17.30, è di 50 euro, comprensivi di tre pasti e dell’uscita settimanale in piscina. Chi non va in piscina - attività riservata solo ai bamperchè suonare la chitarra è la maniera più vecchia del mondo per fare gruppo.

Anche il pasto è di tutto rispetto, grazie al fatto che la mensa è interna e ai fornelli ci sono la signora Franca e altri tre volontari-chef, che cucinano menù semplici e genuini.

(m.pizz.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon