Quotidiani locali

Il Crotone prende Capuano, due punte al Verona

Le trattative delle pericolanti si infittiscono: a Benevento stranieri in arrivo per ogni reparto

FERRARA. La corsa a quattro tra Spal, Crotone, Verona e Benevento alla ricerca della salvezza passa anche dall’utilità della finestra invernale di mercato. Le varie società sono piuttosto attive in questi primi dieci giorni di calciomercato, anche se il botto principale viene proprio da Ferrara e si chiama Kurtic. Per il resto tutte le squadre si stanno ancora guardando attorno. C’è chi sonda, chi s’informa, chi fa i conti con i bilanci, chi ha perso qualche big, chi ha scommesso su qualche giocatore semi sconosciuto o quasi. Vediamo comunque nel dettaglio come si stanno comportando le dirette concorrenti biancazzurre, partendo dal Crotone di Walter Zenga che sostanzialmente ha avuto ieri l’ufficialità dell’arrivo di Capuano (Cagliari) che poteva approdare a Ferrara. Sempre per la difesa è stato chiesto Izzo al Genoa, ma la trattativa pare complicata. Per il centrocampo è calda la pista che porta al centrocampista Crisetig (Bologna), mentre le trattative principali sono focalizzate sul fronte offensivo. E’ suggestivo il possibile ritorno del baby Ricci (già a Crotone nell’annata della promozione in A), mentre i sogni della società pitagorica sono Edera (Torino) e Orsolini (Atalanta). Nei giorni scorsi è uscito anche il nome di Kouamé (Cittadella). La strategia e le necessità sono chiare: ai rossoblù servono fantasia e gol.

Spostiamoci a Verona dove i gialloblù hanno già ufficializzato gli acquisti degli attaccanti Petkovic e Matos da Bologna e Udinese. Una strategia per coprire un’eventuale partenza di un Pazzini (incomprensibilmente) sempre meno nei radar di Pecchia? Per l’ex attaccante di Sampdoria, Inter e Milan sono tante le richieste e il Parma sembra davvero far sul serio. Perdere un uomo come Pazzini - indipendentemente da questi arrivi - sarebbe una gran mazzata per la società scaligera che ha già dovuto rinunciare al difensore goleador (3) Martin Caceres, trasferitosi alla Lazio come da accordi della pre season legati al tesseramento. In difesa al suo posto potrebbe tornare il rumeno Boldor (ora al Montreal Impact). La necessità è anche chiudere per un esterno offensivo: Boye (Torino) e D’Alessandro (Benevento) sono le principali idee. Sempre in uscita va monitorata la situazione legata al talentuoso Bessa, la cui clausola rescissoria di quindici milioni potrà essere trattata ma con il prezzo che non dovrà scendere sotto i cinque finali. Perdere così tanti pezzi, non è proprio una gran idea e il pubblico veronese ha già manifestato tutto il suo disappunto.

Ultimo in classifica e ultimo nel nostro riassunto il Benevento che ha deciso di pescare in Turchia. Da qui è già arrivato Sandro (Antalyaspor) centrocampista ex Tottenham, classe 1989 e in cerca dell’ultima possibilità della carriera. Sempre oltre il Bosforo, “le streghe” trattano la punta Diabaté (Osmanlispor) e l’esterno offensivo Bongonda (Trabzonspor, ma di proprietà del Celta Vigo). Un attaccante già ufficializzato e presente alla corte di De Zerbi da inizio dicembre è Guilherme, mentre per la difesa è approdato Billong (Maribor). E’ vivo l’interesse per il terzino sinistro Morleo del Bari con cui si potrebbe trattare l’uscita di Memushaj. Possibile partenza anche per l’attaccante Puscas, mentre la telenovela Ciciretti prosegue con l’ultima sfumatura spagnola del Getafe.

Alessio Duatti



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik