Quotidiani locali

Vai alla pagina su Spal calcio
Simic, doti aeree e carattere: «Felice di essere alla Spal»

Spal Calcio

serie a

Simic, doti aeree e carattere: «Felice di essere alla Spal»

Il difensore croato di 1.95: mi ispiro a un maestro come Igor Tudor «Castagnetti mi ha parlato molto bene dei biancazzurri e di Ferrara»

FERRARA. È stato l’ultimo colpo invernale sul rush finale del calciomercato biancazzurro e arriva a Ferrara con tanta voglia di dare il proprio contributo alla causa estense. Lorenco Simic, difensore croato classe 1996 già nel giro delle famose casacche biancorosse scaccate con la Nazionale Under 21, ha assaggiato i campo di via Copparo nella giornata di giovedì. Ieri, invece, si è tenuta la classica presentazione del nuovo arrivato (prestito fino al termine di questa stagione).

Una stretta di mano col direttore sportivo Davide Vagnati, qualche scatto in piedi (impressionante l’altezza del ragazzo, 1.95) con la nuova maglia numero 5 tra le mani e le prime parole in inglese dopo il “ciao a tutti” introduttivo.

«Sono molto contento di essere qui a Ferrara - commenta il nuovo difensore spallino - per poter lavorare con questa società. Ho visto partite della Spal in televisione e il livello della serie A è ovviamente molto più competitivo rispetto alle esperienze che ho avuto fino a questo momento».

Una carriera, quella di Simic che ha già comunque avuto step importanti, come ad esempio i due anni trascorsi nell’Hajduk Spalato, una delle squadre più importanti della Croazia. Nei mesi precedenti a oggi si è registrata la positiva esperienza a Empoli con 15 presenze, 3 reti e la condivisione del progetto sportivo assieme a un ex biancazzurro come Castagnetti:

«Ho parlato con Castagnetti. È un bravo ragazzo, mi ha parlato molto bene della Spal e di tutto l’ambiente che c’è qui a Ferrara ma anche altri giocatori hanno speso bei discorsi in questo senso. Appena sono arrivato ho scambiato due parole con mister Semplici ed entrambi ci siamo detti soddisfatti di esserci trovati per quest’esperienza».

La tradizione croata ha spesso regalato al calcio difensori che hanno scritto qualche pagina a proprio modo. Igor Tudor (ex difensore della Juventus), ad esempio, è uno dei tecnici che si sono dichiarati pubblicamente estimatori del nuovo arrivato in biancazzurro: «Lui è stato un mio allenatore nelle giovanili a Spalato ed è vero che abbiamo caratteristiche ma sopratutto un carattere simile (ride; ndr). È stato ed è un grande esempio per me».

Poi un ovvio commento sulla propria preferenza tattica: «Non ho ancora parlato col mister della posizione esatta. Io gioco prevalentemente come difensore al centro o a destra nei tre. Nel caso ci sia necessità però posso anche giocare a sinistra. Come sto fisicamente? Mi sento in una buona condizione. Ad Empoli praticamente ho sempre giocato e mi sono sempre allenato bene, con continuità e senza problemi. Le mie doti aeree vista l’altezza? È una delle mie caratteristiche principali. Sono qui pronto per crescere, per migliorarmi e per dare il mio massimo per la squadra con qualsiasi tipo di contributo».

«Lorenco è venuto a far parte della nostra famiglia - ha aggiunto il direttore Vagnati -, siamo molto contenti che sia stata colta quest’opportunità. Conosce già quelle che sono le basi del nostro schema tattico visto che ha giocato in una difesa a tre e devo dire che le sue caratteristiche sono molto interessanti, non solo a livello di struttura fisica. È veloce, ha un ottimo piede destro, ha aggressività ed esce volentieri sull’uomo, ma crediamo che per crescere debba giocare senza esagerare nella giocata col pallone. Il tipo di prestito? Intanto ringrazio la Sampdoria per aver consentito la positività dell’operazione. Abbiamo fatto tutto nelle ultime ore e per questo la durata del prestito arriva solo fino a giugno. Poi se ci sarà il piacere di tutte le parti si potrà anche andare avanti visto che i rapporti sono molto buoni».

Alessio Duatti



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori