Quotidiani locali

Lazzari ha fatto il pieno di amarezza

«Contro squadre così importanti certi errori li paghi caramente: che dispiacere»

FERRARA. Manuel Lazzari ieri è stato l'assoluto mattatore del primo tempo della Spal. Sulla corsia destra ha rappresentato un costante pericolo per la difesa rossonera, ma la sua enorme mole di lavoro non ha portato alla fine a nessun risultato concreto: «Dispiace tantissimo - analizza Lazzari - ci tenevamo a fare bene dopo la brutta sconfitta di Cagliari. Volevamo tornare a fare un risultato positivo. Purtroppo abbiamo avuto un inizio molto complicato subendo subito la rete del Milan, abbiamo reagito e abbiamo fatto un ottimo primo tempo. Tante volte le gare sono decise dagli episodi: per noi la punizione di Viviani è terminata sul palo e ha preso un giro esterno, il loro tiro di Cutrone gli è ritornato sul piede e ha potuto facilmente fare gol. Dispiace tanto perché dopo un brutto inizio avevamo fatto bene, ma contro squadre così importanti quando fai determinati errori li paghi».

Inevitabile parlare anche della situazione di mister Leonardo Semplici: «Ho letto e sentito anche io come tutti voi mille voci questa settimana - analizza Lazzari - tengo a precisare che se dovesse essere presa una certa decisione sarebbe una sconfitta non solo sua ma di tutti noi. Sarebbe una sconfitta di tutto il gruppo, della squadra e di tutto lo staff tecnico: insomma, di trenta persone». Lazzari aveva parlato in zona mista prima delle parole del presidente Walter Mattioli e del patron Simone Colombarini che di fatto hanno confermato mister Leonardo Semplici sulla panchina biancazzurra. E si torna poi alla partita: «Il punto vero - prosegue Lazzari - è che facciamo anche bene come nel primo tempo, però è chiaro che non basta. Noi però non molliamo in nessun modo, dobbiamo continuare a crederci e a lottare, dobbiamo continuare il nostro cammino fino alla fine perché vogliamo centrare l'impresa della conquista della salvezza». La Spal ha subito gol in avvio per l'ennesima volta... «Purtroppo soffriamo molto le palle inattive - commenta Lazzari -: Suso ha messo quella palla ed è arrivato il loro gol. Dobbiamo migliorare in queste situazioni anche perché il tempo stringe parecchio: non dobbiamo piangerci addosso ma guardare avanti».

Già, il futuro... Il prossimo impegno sembra una montagna altissima da scalare: al San Paolo contro il Napoli: «E' una gara che sembra proibitiva ma dobbiamo impegnarci al meglio per andare a fare il massimo, e poi c'è Crotone, una gara che per come si stanno mettendo le cose dobbiamo provare ad andare a vincere. Dobbiamo fare i tre punti». Dal pubblico tanto incitamento e anche i primi cori poco benevoli: «Ci sta - conclude Lazzari - vanno capiti. Ci danno sempre grande sostegno».

Andrea Tebaldi



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro