Quotidiani locali

Febbre Spal al Piccadilly I tifosi: serve più coraggio

Al bar davanti allo schermo nervi tesi, passione e critiche al tecnico biancazzurro  Così a Sant’Agostino si vive il difficilissimo momento che attraversa la squadra

SANT’AGOSTINO . Incredibile vedere come cambiano le opinioni e gli umori. Qualche tempo fa un risultato del genere non avrebbe lasciato insoddisfatti i tifosi spallini che ad ogni turno di campionato si trovano allo storico bar Piccadilly di Sant’Agostino, situato in piazza, per seguire i bianco-azzurri.

Ora invece, nonostante la consapevolezza che contro questo Napoli poco si poteva fare, traspare un po’ di malumore e soprattutto di esasperazione per un risultato positivo che, alla fine, non arriva mai. È che pensano un po’ tutti, ed il capro espiatorio sembra essere sempre di più mister Leonardo Semplici, più volte punzecchiato dai clienti del bar santagostinese, che anche ieri sono tornati a casa con la sensazione di aver visto la Spal lottare fino alla fine, senza però cavare alcun ragno dal buco. Un buco che diventa sempre più profondo, nonostante la sconfitta del Crotone, che rimane a 4 punti di distanza.

«Per quello a cui siamo abituati, quattro punti sono quasi irrecuperabili – spiega Alessandro, un giovane tifoso spallino sconsolato -, forse per dare una scossa all’ambiente un cambio in panchina sarebbe utile. E Semplici non sembra più avere la situazione sotto controllo».

Mentre qualche nostalgico invoca il nome di Edy Reja, la partita scorre e il momentaneo gol di Hamsik, poi annullato dal Var per fuorigioco netto, spegne del tutto l’entusiasmo di una partita in cui la Spal ha sì lottato fino in fondo, ma non si è resa quasi mai pericolosa. Ed è proprio su questo punto che qualcuno auspica un cambio in panchina.

«Servirebbe essere più pericolosi in attacco – spiega Paolo, altro tifoso che ormai sembra aver perso le speranze – ma si fatica anche a tirare in porta. Senza fare gol non si vince».

Un solo tiro nello specchio per i ferraresi, che in effetti non hanno entusiasmato i presenti, hanno anzi confermato quello che ormai è sotto gli occhi di tutti. Senza una svolta non ci si salverà. Forse serve più coraggio da parte del mister, che ieri è sceso in campo con una sola punta, Antenucci. Altro argomento sul quale i presenti al bar Piccadilly si sono dimostrati piuttosto contrariati rispetto alle scelte di Semplici. È ancora presto per tirare le somme, ma sicuramente la pazienza è quasi esaurita e la speranza sembra andarsene sconfitta dopo sconfitta. Una partita contro il Napoli persa per uno a zero, in novembre, avrebbe comunque soddisfatto gran parte dei tifosi, oggi fa storcere il naso.

Anche qui a Sant’Agostino, al bar Piccadilly, dove i tifosi della Spal sono sempre numerosi e sperano ancora in un possibile ma difficile miracolo.

Samuele Melloni

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro