Quotidiani locali

Cristofori si carica per il titolo italiano «È per mio nonno»

Il welter allievo di Croce ha già una dedica importante Intanto è cambiato l’avversario ed è il temibile Esposito

FERRARA. «Lo faccio per mio nonno», dice Nicola Cristofori, co-sfidante al vacante titolo italiano dei pesi welter, match in programma il prossimo venerdì 16 marzo in tarda serata in quel di Cernusco sul Naviglio, nel Milanese.

«Dedico questa sfida a nonno Giuseppe Mantovani, che è scomparso lo scorso 25 aprile - spiega Cristofori -, ci teneva tanto e so chi gli sarebbe piaciuto essere ancora al mio fianco».

Cristofori, campione italiano NeoPro, troverà sul suo cammino Michele Esposito (11 vittorie, 2 per ko, 3 sconfitte e un pareggio) , varesino classe 1986, avversario dell’ultima ora, ma già visto a Ferrara, ultimo avversario dell’altro welter ferrarese Caccia, proprio con il tricolore in palio, incontro terminato subito per ferita dello stesso Esposito. Cristofori avrebbe dovuto incrociare i guantoni con Dario Morello, che pochi giorni fa si è infortunato. La defezione del pugile bresciano ha costretto gli organizzatori della Boxe Loreni a cambiare programma. Cristofori (8-1-1), classe 1993, farà leva sui suoi centimetri (è alto 1,83) e sul suo mancino, che gli permettono di essere boxeur ostico per chiunque.

«Devo molto al mio maestro Roberto Croce, che con passione e dedizione mi ha seguito fin dai miei primi passi sul ring nella palestra della Ferrara Boxe. Adesso, in vista di questo delicatissimo match, mi alleno con intensità e facendo guanti con pugili di prestigio come Obbadi e Fiordigiglio. Poi, quando salirò sul ring, al mio angolo potrò contare su Matteo Guerzoni, mio personal trainer, il vice allenatore Davide Cavallini e mio zio Paolo Mantovani, nelle vesti di accompagnatore».

Una curiosità, Cristofori ha la passione per il rap, in particolare per Eminem, che metterà nell’ipod prima di salire sul ring. Le sonorità del cantante americano, siamo sicuri, daranno la carica giusta alle ambizioni del pugile estense.

Dovrà comunque stare molto attento al suo avversario, che il titolo italiano lo ha preso e perso già diverse volte: la sua debolezza sta nel ferirsi facilmente; la sua forza, una gran esperienza.

Corrado Magnoni

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro