Quotidiani locali

Una Baltur incontenibile vola in finale

Rizzitiello è scatenato, Cento batte Piacenza Oggi la sfida con Omegna che vale il trofeo

FABRIANO (AN). La Baltur Cento è in finale di Coppa Italia di serie B. Con una mostruosa serata al tiro da fuori (12/ 23) e in generale una gara perfetta, i biancorossi superano la Bakery Piacenza 87-62 e oggi pomeriggio (ore 17) a Jesi affronteranno in finale la Paffoni Omegna, che ha battuto in semifinale San Severo.

Avvio di marca Baltur, con Benfatto e Piunti che, pure complice l’assenza di un pivot vero per Piacenza, fanno quello che vogliono dentro l’area colorata: al 7’ è 13-5. La Bakery non ci sta e buca la difesa a zona centese con Rombaldoni e Maggio. Al 9’, Rombaldoni completa il break di 0-9 che significa sorpasso (13-14). In avvio della seconda frazione Birindelli consegna a Piacenza quattro lunghezze di vantaggio (16-20). A questo punto Cento si sveglia, Benfatto e Rizzitiello, ben supportati dai canestri da fuori di Pasqualin, completano, in 2’, il controbreak di 12-1 che significa 28-21 Baltur al 13’. Bene Vico, ancora di più Rizzitiello (bomba del 39-27 al 17’) e D’Alessandro: del numero 11 biancorosso la tripla del massimo vantaggio Baltur del primo tempo (+15, 42-27 al 18’). Nel finale di parziale la Bakery cerca di rientrare (42-32), ma nel complesso è Cento che domina, sia nel tiro dal campo (57% contro 38%) sia a rimbalzo (20 a 10).

In avvio di ripresa la Baltur vola a suon di bombe, con Vico prima (48-34 al 22’), Rizzitiello e D’Alessandro dopo: al 24’ i biancorossi centesi raggiungono 17 lunghezze di vantaggio (56-39), dando dimostrazione di grande forza, al cospetto di una Bakery che fatica a fare canestro. Ancora D’Alessandro al 25’ fissa il 58-39, mandando in visibilio i tifosi della Baltur accorsi come sempre in massa a Fabriano. Anche Chiera e Cantone partecipano al festival dei canestri centesi, che chiudono definitivamente i conti grazie ai propri esterni, al pari di Benfatto, D’Alessandro e Rizzitiello vere punte di diamante a disposizione del coach Giovanni Benedetto. Al 29’ arriva il 70-44 Baltur, che significa appuntamento alla finalissima di oggi pomeriggio a Jesi contro Omegna, altra compagine decisamente pericolosa. Ma la Baltur ammirata contro Palestrina e Piacenza, in difesa e in attacco, può fare benissimo anche oggi contro i piemontesi per l’appuntamento con la storia.

Lorenzo Montanari



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro