Quotidiani locali

Una Juventus insaziabile Non spreca mai un colpo

Bianconeri in lizza in ogni competizione: Champions, scudetto e Coppa Italia Domani recupero con l’Atalanta poi sotto con la trasferta di Ferrara

FERRARA. «Non abbiamo ancora fatto niente». Il motivo conduttore utilizzato nella comunicazione bianconera è proprio questo. Nessuna mano in avanti, semplicemente la volontà di continuare a martellare su ogni fronte. La Juventus di oggi è così. Raggiunta la finale di Coppa Italia dove sfiderà il Milan, raggiunti i quarti di finale di Champions League dopo aver sbancato Wembley ed eliminato il Tottenham la scorsa settimana, la squadra allenata da mister Allegri ha raggiunto anche la testa della classifica mettendo per la prima volta seriamente il naso davanti al Napoli di Sarri nell’avvincente duello di questa stagione. Una sfida a distanza che potrà essere ben indirizzata dalla Juve proprio in questa fondamentale settimana. «Non abbiamo avuto cali di rendimento dopo Londra - dice mister Allegri -; la forza di questa squadra è la compattezza, la disponibilità al sacrificio senza sottovalutare nessuno». I bianconeri domani alle 18 recupereranno il match rinviato per neve contro l’Atalanta: in caso di vittoria sarebbe +4 sui partenopei a parità di partite giocate. Poi, sabato sera, la truppa piemontese arriverà a Ferrara e un’eventuale vittoria (in casa spallina si spera ovviamente il contrario) manderebbe il Napoli a letto a “-7” con un enorme pressione in vista della gara domenicale. Partenopei al San Paolo contro il Genoa.

In campionato la squadra di Allegri, dopo aver sistemato la difesa (ora si gioca in maniera costante a quattro) e dopo aver inserito i nuovi nei consolidati automatismi, è praticamente una macchina perfetta. Se escludiamo le coppe, infatti, notiamo che la Juventus vince in serie A da ben tredici turni consecutivi: l’ultima frenatina è stata lo 0-0 interno con l’Inter di inizio dicembre, mentre l’ultimo ko risale a metà novembre (3-2 sul campo della Sampdoria). E’ incredibile, poi, il fatto che l’ultimo gol subito risalga al 30 dicembre nell’1-3 di Verona con l’Hellas: da quel momento in poi la porta bianconera è sempre rimasta inviolata (salvo le tre reti subite dal Tottenham). In attacco è tornata l’alta definizione firmata Higuain (14 reti fino a qui in campionato) e Dybala (17). Con qualche marcatura anche Khedira (6), Mandzukic (4) e Pjanic (4) hanno contribuito a rendere la Juventus la squadra con il miglior attacco del campionato (65 gol fatti, di cui 33 in trasferta).

Chiellini e compagni sono anche l’attuale miglior difesa con sole quindici marcature al passivo di cui undici lontane dallo Stadium dove si sono registrate complessivamente dodici vittorie, un pareggio e una sconfitta. Contro la Spal saranno sicuramente indisponibili Cuadrado e Bernardeschi, mentre attenzione alle diffide di Benatia e Higuain: in caso di gialli contro l’Atalanta la sospensione per squalifica ricadrebbe proprio nel match di Ferrara. Ieri allenamento a Vinovo per tutta la pattuglia bianconera. Ritmi blandi per chi ha giocato domenica con l’Udinese, sessione piuttosto intensa invece per tutti gli altri giocatori con attenzione su possesso palla, gestione, controllo e conclusioni in porta.

Ovviamente, con una partita nel mezzo ancora da disputare, è ancora complesso ipotizzare un probabile schieramento ma lo schema di gioco sarà con ogni probabilità il 4-2-3-1. Infine, segnaliamo che proprio alla vigilia di Spal-Juventus i bianconeri osserveranno il sorteggio del prossimo turno di Champions. Chissà che non possa rappresentare una, seppur minima, distrazione…

Alessio Duatti

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro