Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Spal, due totem in meno ma gran voglia di stupire

Contro un’Atalanta molto competitiva estensi senza Schiattarella e Vicari. Però il gruppo è compatto e ci crede. Spazio a Everton Luiz, torna Salamon

Il cammino della Spal

FERRARA. Una tegola pesante si è abbattuta in casa Spal alla vigilia della partita di oggi al Mazza contro l'Atalanta (fischio d'inizio alle 18). Uno dei giocatori più importanti della rosa biancazzurra, il centrocampista Pasquale Schiattarella, non è a disposizione. Distorsione alla caviglia in allenamento e quindi addio Atalanta. La settimana prossima sono in programma ulteriori e ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Il cammino della Spal

FERRARA. Una tegola pesante si è abbattuta in casa Spal alla vigilia della partita di oggi al Mazza contro l'Atalanta (fischio d'inizio alle 18). Uno dei giocatori più importanti della rosa biancazzurra, il centrocampista Pasquale Schiattarella, non è a disposizione. Distorsione alla caviglia in allenamento e quindi addio Atalanta. La settimana prossima sono in programma ulteriori esami per capire l'entità del danno. Un brutto guaio, ma intanto la Spal gioca oggi una partita fondamentale per il proprio futuro, una partita nella quale può cercare di conquistare tre punti che, intanto, metterebbero a distanza di cinque lunghezze il Crotone in attesa dell'impegno dei calabresi allo Scida contro il Bologna. Questo deve essere l'obiettivo della formazione biancazzurra che, infortunio di Schiattarella a parte, viaggia sulle ali dell'entusiasmo dopo le cinque partite utili consecutive. E questo è il momento di accelerare ulteriormente.

Mister Leonardo Semplici deve fronteggiare anche un'altra assenza molto grave, quella del difensore centrale Francesco Vicari che deve scontare un turno di squalifica dopo la contestata espulsione da parte di Giacomelli sabato scorso a Marassi. Sono questi i due ruoli in cui ci sono le maggiori incertezze di formazione visto che il trainer fiorentino sembra orientato a dare continuità a quasi tutti gli elementi in campo al Ferraris. Quindi davanti a Meret in porta, stante anche l'indisponibilità di Simic, è altamente probabile che a fianco di Cionek sul centrodestra e Felipe sul centrosinistra ci sarà Salamon a giostrare come centrale. Unica alternativa reale in panchina rimane Vaisanen: sembra difficile che Semplici possa optare dall'inizio su un giocatore che da mesi vede il campo con il contagocce. A centrocampo dando per scontati Lazzari e Costa sulle fasce (il secondo anche per mancanza di alternative visto che sia Mattiello che Dramè sono in infermeria) in mezzo sembra esserci il vero unico dubbio su chi affiancherà Grassi, e il rientrante e fresco ex Kurtic, tra Everton Luiz e Viviani. Dovessimo puntare un euro lo metteremmo sul Everton Luiz, visto che ieri mister Semplici ne ha elogiata la prova di Genova dicendo di vederlo benissimo anche per il ruolo di centrale che ovviamente interpreterebbe con caratteristiche molto differenti da quelle di Viviani. A meno che Semplici non abbia spiazzato tutti ancora una volta e, come avvenuto contro il Bologna quando Schiattarella era squalificato, decida di optare per il giocatore ex Bologna e Verona. Davanti al momento le gerarchie sembrano essere chiare: Antenucci e Paloschi sono i titolari, Floccari e Bonazzoli sono pronti ad entrare a gara in corso. Quel che conta è che serve una Spal tutta grinta per fare tre passi verso la salvezza.

Andrea Tebaldi