Quotidiani locali

Per la Sampdoria nessun obiettivo e il mal di trasferta

I blucerchiati arrivano a fine stagione demotivati Lontano da Genova hanno già perso undici volte

FERRARA. La ripresa degli allenamenti blucerchiati a Bogliasco è prevista per oggi pomeriggio. È stata questa la decisione del tecnico Marco Giampaolo in vista dell’ultima partita della stagione per la sua Sampdoria, attesa dall’affamatissima Spal. Al “Mugnaini”, oltre a quelle degli infortunati Nicola Murru e Fabio Quagliarella, saranno da valutare anche le condizioni del portiere Emiliano Viviano, rimasto fuori dalla sfida persa 0-2 con il Napoli per un dolore al ginocchio sinistro accusato durante la fase di riscaldamento.

Sarà una Sampdoria ufficialmente senza obiettivi, quella che farà visita alla Spal: il sogno Europa League - cullato dai liguri in particolar modo nella prima parte di campionato - è svanito ufficialmente e il settimo posto utile non è più aritmeticamente raggiungibile dai doriani. Onestamente, non ci sentiamo di dichiarare come “obiettivo” quello di riuscire a entrare nelle prime otto della classifica finale per evitare il preliminare estivo di Coppa Italia da giocare contro squadre cadette o di serie C, ma lo mettiamo sul tavolo come una piccola sfumatura esistente.

Il match perso con il Napoli ha dato certezza a uno scenario che era preventivabile da tempo, visto che la Samp già da diverse settimane aveva letteralmente mollato gli ormeggi, subendo sconfitte qua e là, soprattutto in trasferta, come a Sassuolo, a Roma con la Lazio e a Torino contro la Juve: senza mai andare a segno e senza dimostrare voglia e cattiveria di giocarsela fino alla fine. In casa in questo finale di campionato sono arrivate due vittorie contro Bologna e Cagliari, ma l’insoddisfacente girone di ritorno e le molteplici brutte figure esterne non hanno dato felicità a una tifoseria molto attaccata ai propri colori come quella doriana, che non può quindi accontentarsi degli attuali sei punti di miglioramento rispetto alla classifica precedente torneo.

Complessivamente in questa stagione la Samp ha vinto 16 volte a fronte di 15 sconfitte e 6 pareggi, per un totale di 55 reti realizzate e ben 57 subite. Fuori casa il rendimento è stato pessimo: 4 vittorie, 3 pareggi e 11 ko, con meno di venti gol fatti e quasi quaranta al passivo. L’ultima gioia in trasferta è arrivata a inizio aprile in quel di Bergamo, mentre l’ultimo pareggio risale addirittura al 9 dicembre dello scorso anno (2-2 a Cagliari).

Sarà una Samp senza squalificati, quella che arriverà domenica a Ferrara e si schiererà con il consueto 4-3-1-2. In porta potrebbe giocare ancora Belec, mentre Bereszynski e Sala sono i favoriti per occupare le due corsie esterne, con Regini che si accomoderebbe in panchina. Vedremo se al centro tornerà la coppia Silvestre-Ferrari o se Andersen godrà di un’altra vetrina. Ballottaggio tra Praet e Ramirez per il ruolo di trequartista, mentre a centrocampo Torreira agirà come perno basso con Linetty e probabilmente Barreto ai suoi lati. Davanti nell’ultima sfida hanno giocato Caprari e Kownacki, ma Zapata pare in recupero, in attesa ovviamente di saperne di più su Quagliarella. (a.d.)

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori