Quotidiani locali

Vai alla pagina su Spal calcio
Bologna pressa mister Semplici, Spal su Stroppa

Spal Calcio

calcio serie a

Bologna pressa mister Semplici, Spal su Stroppa

Ballottaggio con Inzaghi per la panca rossoblù. I biancazzurri bloccano il trainer del Foggia

FERRARA. Nessuna certezza, se non che il mercato è mutevole. L’altro giorno Pippo Inzaghi era unanimemente considerato il prossimo allenatore del Bologna, con Leonardo Semplici - già nel mirino rossoblù - di conseguenza molto più vicino alla permanenza alla Spal. Ieri, però, tutto è cambiato. Nel senso che la situazione è in evoluzione.

I primi spifferi giovedì sera. Non così sicuro che tra il Bologna ed Inzaghi sia tutto fatto. Anzi. L’allenatore del Venezia è stimato e molto quotato per raccogliere l’eredità dell’appena esonerato Donadoni, ma all’interno del Bologna c’è un confronto in essere: Inzaghi da alcuni è ritenuto abbastanza simile a Donadoni, mentre la piazza - e parte dei vertici societari - reclama un vento di novità, di freschezza, di idee. In tal senso, Semplici sarebbe l’ideale: serio, motivato, in carriera, in continua ascesa, capace di dare un’identità alla propria squadra, non integralista.

I tifosi in centro: festa grande ai Quattro Esse I tifosi conquistano il centro storico di Ferrara. Festa grande ai Quattro Esse e in piazza. E anche questa notte Ferrara è tutta biancazzurra. (video Federico Vecchiatini) LE PAROLE DEL PRESIDENTE MATTIOLI


Il puzzle degli allenatori va componendosi. Prandelli all’Udinese, De Zerbi verso il Sassuolo, forse Juric al Cagliari. A Semplici resterebbero due scelte: restare alla Spal o andare al Bologna. Che, ben più di Sassuolo e Udinese, rappresenterebbe un salto di qualità. Riflessioni in corso. Al Bologna ed anche tra Semplici e Spal. Cruciale questo fine settimana. Tempo di incontri e decisioni. Come a Foggia, dove proprio oggi Giovannino Stroppa, ex fantasista del Milan, avrà un vertice con la proprietà ed il d.s. Nember. Rendez vous che si annuncia burrascoso: i vertici rossoneri davano per scontata la permanenza del tecnico, legato contrattualmente fino al 2019 ma che ha chiesto un biennale. E lo ha chiesto perché due anni di vincolo è quanto gli offre la Spal, che lo avrebbe individuato come eventuale successore di Semplici, preferendolo a Davide Nicola. E ciò perché l’ex tecnico del Crotone galleggia tra 4-3-3 e 4-4-2, e perché ha carattere dipinto come più intransigente, mentre Stroppa al Foggia da gennaio gioca con i tre difensori centrali ed è considerato uomo di maggior dialogo. Insomma, il trapianto in biancazzurro sarebbe teoricamente più propizio. Curiosità: il vice di Stroppa è Pino Brescia, ex capitano e bandiera spallina, in biancazzurro anche come allenatore della Berretti e assistente in prima squadra. Un nome, una garanzia.

Se, come garantiscono a Foggia, la posizione assunta da Stroppa è figlia della proposta formulatagli dalla Spal, ciò significa che la cupola biancazzurra si è mossa in tal senso perchè ormai consapevole della concreta possibilità che Semplici si trasferisca al Bologna. O, comunque, è una cautela che la Spal ha inteso adottare perchè non può certo farsi cogliere allo sprovvista nel caso che. Da ciò a dire che si concretizzerà tutto tale quadro, ce ne corre. Proprio perchè da un momento all’altro tutto cambia, o può cambiare. Ma le tempistiche dei confronti di Foggia e di Ferrara coincidono.

Di sicuro la sensazione è che in casa biancazzurra il pallino sia in mano a mister Semplici, più che alla Spal. Nel senso che l’ago della bilancia lo sposterà il mister: se sarà convinto di restare, a fronte di precise garanzie, proseguirà la sua straordinaria avventura. Ma se avrà maturato la convinzione che non si potrà fare meglio di quanto (di enorme) fatto finora, che non sussistono tutti i presupposti, e che l’interessamento del Bologna è reale e pronto a concretizzarsi, allora saluterà.

Ieri il presidente rossoblù Joey Saputo ha affermato che il nuovo allenatore verrà scelto entro due settimane. Un lasso che permetterebbe di attendere l’esito dei play off di B che vedranno impegnato il Venezia di Inzaghi. Ma Joe Tacopina, proprietario del Venezia ed ex socio del magnate canadese nel Bologna, ha tuonato: «Inzaghi è nostro e ce lo teniamo».

La Spal attende. Non restando ferma.
 

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro