Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Offerta per Djourou e continua la corte a Babacar e Dickmann

Piace l'ivoriano naturalizzato svizzero Djourou

Mercato in fermento per i biancazzurri, tra nuovi nomi e obiettivi nel mirino da alcuni giorni  

FERRARA. Il mercato è così: si alimenta di leggende e voci, verità e silenzi. Per dire: Spal e Babacar. Okay, la punta costa ma si sta anche svalutando dopo stagioni anonime a Firenze e l’ultima bucata al Sassuolo. Sarebbe il profilo giusto per i biancazzurri: giovane, forte fisicamente ed esperto. Da rilanciare. Il club estense è perentorio: «Cifre fuori portata». Eppure da giorni, sottotraccia, il lavoro diplomatico di Vagnati prosegue. Se ci sarà un pertugio, la Spal si infilerà. Ieri, tr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

FERRARA. Il mercato è così: si alimenta di leggende e voci, verità e silenzi. Per dire: Spal e Babacar. Okay, la punta costa ma si sta anche svalutando dopo stagioni anonime a Firenze e l’ultima bucata al Sassuolo. Sarebbe il profilo giusto per i biancazzurri: giovane, forte fisicamente ed esperto. Da rilanciare. Il club estense è perentorio: «Cifre fuori portata». Eppure da giorni, sottotraccia, il lavoro diplomatico di Vagnati prosegue. Se ci sarà un pertugio, la Spal si infilerà. Ieri, tra i rumor, c’era anche questo: due giorni fa il procuratore di Babacar ha fatto una capatina a Ferrara. E non per gustare i cappellacci. Una leggenda? Diciamo che il faccia a faccia può essere credibile: in queste fasi è indispensabile accumulare il maggior numero di dati ed informazioni, pertanto manager e procuratori non lesinano chiacchierate. Ad ogni buon conto, la Spal il centravanti grande e grosso lo vuole e l’alternativa - al momento è rappresentata dall’udinese Stipe Perica. Anche lui non reduce da fasti e goleade, pure però prospetto su cui può valere la pena spendere un ingaggio.

Intanto, ieri, è arrivata a destinazione l’offerta ufficiale spallina ai turchi dell’Antalyaspor per l’espertone Johan Djourou: 31enne senza troppi fronzoli, difensore centrale arcigno, ivoriano ma naturalizzato svizzero (è convocato per i mondiali). Vasta esperienza tra Arsenal, Hannover, Amburgo: piaceva ad Atalanta e Parma, s’è inserito di peso il team biancazzurro.

Fronte laterali, settore fondamentale che non avrà più Mattiello. In attesa di capire che avances potrà avere Lazzari (al riguardo la società gli ha adeguato economicamente il contratto), Vagnati sta ancora corteggiando il novarese Lorenzo Dickmann che dopo quattro stagioni piene a Novara (le ultime tre in B) e la convocazione con l’Italia U21 è pronto per il salto di qualità. Costicchia, però è un ’96 quindi investimento saggio. Al momento su di lui c’è - forte - solo il Brescia. Per la corsia di sinistra sempre in pole il profilo del veronese Mohamed Fares (6 milioni di euro per lui e per il riscatto di Viviani). A proposito di riscatti: Grassi potrebbe restare nella disponibilità del Napoli, che lo girerebbe al Bologna come parziale indennizzo per Verdi. E Silvestre potrebbe andare a Parma (ecco perché Spal su Djourou) nell’ambito di un maxi scambio che porterebbe in casa ducale anche Viviano e Sala.