Quotidiani locali

Vai alla pagina su Spal calcio
Spal senza frontiere Tratta per  Tawamba Milinkovic e Kouamè

Spal Calcio

Spal senza frontiere Tratta per Tawamba Milinkovic e Kouamè

L’attaccante del Partizan: «Per me è ora di cambiare» Il portiere del Toro esita. La punta del Cittadella piace

FERRARA. Il fronte straniero della Spal si allarga. Djourou, Tawamba, Milinkovic Savic, Kouamè... Il club biancazzurro guarda oltre frontiera, che sia per giocatori che militano in altri Paesi o che sono già in Italia. D’altra parte, è la legge del mercato e la Spal non può sottrarsi a queste dinamiche, pur se manterrà il suo zoccolo duro, la sua identità. Per quanto riguarda i tre dossier principali - portiere, difensore centrale, centravanti - i nomi in cima alla lista sono quelli che abbiamo citato. Di Johan Djourou parliamo a parte, qui sottolineiamo solo che il difensore svizzero sta cercando di liberarsi dai turchi dell’Antalyaspor.

Per quanto riguarda l’attacco, la Spal ha avviato un discorso con il Partizan Belgrado per cercare di assicurarsi Lèandre Tawamba, centravanti camerunense reduce da una stagione e mezza con il club serbo. Il giocatore si è espresso in maniera molto chiara: «Compirò 29 in dicembre. Apprezzo molto Belgrado. La vita lì è piacevole, soprattutto da quando mia moglie e mia figlia di 4 anni - che vivevano in Camerun - mi hanno raggiunto. I serbi sono accoglienti, i tifosi del Partizan appassionati. Nella scorsa stagione abbiamo vinto campionato e Coppa. Quest’anno il titolo è sfumato. Penso che per me sia arrivato il momento di tentare un’esperienza altrove, e ogni volta che ho cambiato squadra e Paese è sempre stato per migliorare».

Il Partizan cederà Tawamba, e chiede circa 2 milioni di euro. La Spal è in corsa, la concorrenza più temibile sembra quelle dei belgi del Gent, che lo scorso inverno avevano cercato anche Everton Luiz e addocchiato la punta camerunense: i due hanno condiviso l’esperienza belgradese, sono amici ed il brasiliano sarebbe contento di veder approdare in biancazzurro Tawamba. I rapporti tra Spal e Partizan sono consolidati proprio dalla trattativa invernale per il brasiliano, quindi se la società deciderà che la pista da seguire è questa, allora esisteranno buone chances.

Quanto a Milinkovic Savic, il 21enne portiere serbo del Torino (che aveva scavalcato l’udinese Scuffet nelle priorità biancazzurre) al momento non sembra molto convinto della destinazione Spal. Tra la società biancazzurra ed i granata sarebbe tutto chiaro, definito, prestito con diritto di riscatto e contropzione, ma a fare resistenza è il guardiano. Milinkovic Savic vuole infatti giocare titolare, o comunque avere molto più spazio di quanto non ne abbia avuto nell’ultima stagione torinista (1 presenza in campionato, 3 in Coppa Italia), e si chiede se con Gomis ne avrà. Per questo Milinkovic Savic sta prendendo tempo e vuole vedere cosa succederà con Sirigu, il numero 1 del Toro: se l’ex Psg passerà al Napoli, il serbo deciderà di restare in granata, convinto che il posto verrà dato a lui. Se invece Sirigu prolungherà col Torino, Milinkovic accetterebbe di partire, ma con la certezza di poter dire la sua. Per questo valuta pure il Bologna, dove Mirante è in bilico.

Infine: Christian Kouamè, 20enne seconda punta ivoriana del Cittadella, continua ad essere accostata alla Spal. I suoi agenti sono gli stessi di capitan Antenucci e di... Bonifazi, Dickmann, Castrovilli e Monachello, tutti possibili rinforzi spallini. Diremmo che i conti tornano, pur se Kouamè è cercato anche da Chievo, Atalanta e Sampdoria.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro