Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Più dubbi che certezze Il ct Cassani spera nel pieno recupero di Nibali e Aru

ROMAVenti giorni al giorno dei giorni. Perché, inutile girarci intorno, da quando l’Unione ciclistica internazionale ha benedetto il tracciato di Innsbruck il ciclismo italiano, da ormai nove anni...

ROMA

Venti giorni al giorno dei giorni. Perché, inutile girarci intorno, da quando l’Unione ciclistica internazionale ha benedetto il tracciato di Innsbruck il ciclismo italiano, da ormai nove anni alla ricerca dell’erede iridato di Ballan, s’è destato. Ben 258 km, 84 in linea, poi 6 giri di 23 km l’uno con una salita di 8 km al 5,7% e 31 km con un muro di quasi 3 km con pendenza media dell’11% e picchi al 28%. Fino al 19 luglio il Mondiale aveva un favorito su tutti, per palmares, caratteris ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ROMA

Venti giorni al giorno dei giorni. Perché, inutile girarci intorno, da quando l’Unione ciclistica internazionale ha benedetto il tracciato di Innsbruck il ciclismo italiano, da ormai nove anni alla ricerca dell’erede iridato di Ballan, s’è destato. Ben 258 km, 84 in linea, poi 6 giri di 23 km l’uno con una salita di 8 km al 5,7% e 31 km con un muro di quasi 3 km con pendenza media dell’11% e picchi al 28%. Fino al 19 luglio il Mondiale aveva un favorito su tutti, per palmares, caratteristiche e “parabola” d’una carriera:Vincenzo Nibali. Poi la caduta all’Alpe d’Huez provocata dallo spettatore, la frattura alla vertebra, l’operazione, la rincorsa faticosa hanno mescolato le carte. Per vincerlo questo Mondiale che si corre tra soli 20 giorni non dovrai essere al cento per cento, dovrai essere al 110 per cento. Non dovrai fare la corsa tatticamente perfetta, non potrai metterti la maglia iridata stando a ruota per 260 km, come ha fatto per gli ultimi due dei tre mondiali di fila vinti Sagan, (forse) tagliato fuori dal tracciato impossibile anche per un fenomeno come lui. A Innsbruck il 30 settembre vincerà il più potente, il più resistente, il più forte.

I favoriti? Basta posizionare il radar sugli ordini di arrivo della Vuelta. Valverde, 38 anni di classe, il trio colombiano Quintana, Angel Lopez (occhio è forte forte), Uran, Simon Yates, ancora leader alla Vuelta e che sembra tornato quello di tre quarti di Giro d’Italia e sarà la punta di una Gran Bretagna che non avrà gli stanchi Thomas e Froome. Poi Kwiatkowski, gamba super in Spagna, occhio all’olandese Kruijswik e al francese Pinot, vittorioso nel duro arrivo ai Laghi di Covadonga alla Vuelta. Ma c’è in realtà un altro francese, Alaphilippe, la maglia a pois del Tour, che in Inghilterra sta rodando la gamba, così come gli sloveni Roglic e Mohoric, con tanti cavalli nel motore ma forse ancora acerbi. Gira e rigira sono questi i nomi che si sfideranno per l’iride.

E Nibali? Già, lo Squalo. Il ct Davide Cassani qualche giorno fa era arrivato alla Vuelta preoccupato. Ha visto Aru balbettare. Valverde, i colombiani, il polacco, Yates in salita volano. Nibali negli ultimi giorni ha cercato e trovato un paio di fughe da lontano, s’è messo a tirare per il compagno Ion Izagirre, in lotta per la generale, ha persino portato le borracce ai compagni. Cassani è tornato in Italia sereno. «Tre giorni di riposo dopo la Vuelta, un po’ di allenamenti giusti e andrà forte», ora dicono. Nove anni d’astinenza iridata sono un’eternità per l’Italbici. —

ANTONIO SIMEOLI