Quotidiani locali

Diabolik in fuga è arrivato nella nostra provincia  

Girato ad Argenta il nuovo corto di Daniele Spadoni: «Il mio obiettivo era restare fedele al fumetto originale»

ARGENTA. “L’ombra” ha colpito ancora. Stavolta il regista Daniele Spadoni (di origini ferraresi e dalla Puglia tornato a vivere nella nostra provincia) sceglie Argenta e Castelfranco (Mo) per la fuga del suo Diabolik. Il corto che è caricato su Youtube e sulla pagina Facebook “Spadoni Production” si chiama proprio “Diabolik. La fuga” e ha già ricevuto diverse visualizzazioni, in attesa possano concretizzarsi collaborazioni con il mondo legato al popolare personaggio delle sorelle Giussani.
«Ho scelto questo episodio della Simulmondo perché mi piaceva l’idea e non era difficile da realizzare senza un budget - ci spiega Spadoni, autore di diversi cortometraggi -. Giocavo da bambino con i giochi interattivi di Simulmondo e questo episodio mi era rimasto impresso. L’intento era di portare il mondo dei giochi virtuali nella realtà, rimanendo fedeli il più possibile al fumetto originale. All’inizio non sapevo bene come fare ma poi ho conosciuto Franco Chendi, personaggio fra l’altro già noto nel mondo televisivo (argentano doc, racconta di aver avuto un contatto con il mondo extraterrestre in giovane età, ndr) ed i suoi occhi sono stati la scintilla che mi ha fatto pianificare tutto. Argenta è una cittadina deliziosa, rimasta per certi tratti in stile anni ’60 ed era perfetta per le location del corto. In men che non si dica è arrivata anche la nostra Eva, ovvero Ingrid Luce Cassani, perfetta per il ruolo, poi Renato Fante e Carlo Hazet Fugagnoli, rispettivamente l’ubriacone e l’orologiaio, i quali già in precedenza avevano lavorato con noi in altri progetti. Massimo Fantino ha prestato poi la sua controfigura allo stess Chendi. Il tutto condito con le magnifiche musiche di Francesco Sbraccia, create apposta per il mio corto e che dire della ciliegina sulla torta... la macchina della polizia, replica di quella originale, gentilmente offertami dal caro amico Marco Margelli. Il tutto girato in due serate e con una settimana di post produzione».
Come sempre alla base dei lavori di Spadoni c’è una parte importante relativamente alle voci: «Abbiamo ottenuto un doppiaggio professionale, grazie poi alle splendide voci di Andrea de Nisco, Danja Cericola, Alessio Cerchi e Chendi. Il risultato è stato apprezzato anche dai siti ufficiali e dai fan club e questo mi dice di continuare la mia strada a spron battuto. D’altronde ho già due progetti nuovi a tavolino, un tributo alla serie anni ’70 “The greatest American Hero” tutto realizzato in Cgi (computer grafica, ndr) e “Grey Tales”, uno short film basato sulla storia vera vissuta dal nostro amico Chendi. La colonna sonora è già stata realizzata e gentilmente offerta da Sas-Leon King della Manifest Music Art Productions di Londra, interpretata dalla mia compagna Patrizia Conti. Lo staff è già quasi al completo - conclude Spadoni -, il lavoro sarà pronto il prossimo giugno».
©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics