Quotidiani locali

copparo

"Gigì" in scena al De Micheli

Musical e operetta si fondano nella storia d'amore raccontata da Abbati

COPPARO. Giovedì alle 21al teatro De Micheli di Copparo (piazza del Popolo, 11/A) andrà in scena “Gigì. Innamorarsi a Parigi”. Sul palco la compagnia di Corrado Abbati, figura emblematica del mondo dell’operetta nazionale. La nuova produzione propone uno spettacolo che cammina sul filo sottile che, soprattutto negli allestimenti più moderni e recenti, divide l’operetta tradizionale dal musical. Era stato proprio Abbati, nel corso di un’intervista alla Nuova, a raccontare l’evoluzione del mondo dell’operetta, un mondo che non teme l’avanzare dei tempi e che, anzi, cambia insieme ad essi. «L’operetta - aveva raccontato il regista - trova forza nella musica, nel ballo, nell’eleganza e nel divertimento. C’è tutto. Il fatto che “La vedova allegra” sia lo spettacolo più rappresentato a livello internazionale la dice lunga sul futuro dell’operetta. Per me è destinata a rimanere e se cambierà, saprà farlo senza tradire la sua tradizione». “Gigì. Innamorarsi a Parigi” è il racconto di una storia d’amore complicata. «Ci sono due persone - aveva detto Abbati - che si piacciono ma che per diverse ragioni non riescono ad andare d’accordo fino a quando qualcosa cambia e si innamorano».

“Gigì” è l’omonimo famoso racconto di Colette trasportato in musical dagli stessi autori di “My Fair Lady” (A. J. Lerner e F. Loewe) e coperto da una miriade di riconoscimenti tra cui nove premi Oscar. La storia è dolce e romantica, piena di buoni sentimenti e di arguta ironia. Gigì è una ragazza parigina allegra e spensierata ma destinata a diventare una cortigiana. Gaston è invece un annoiato e giovane viveur che conduce una vita gaudente fra locali alla moda e belle donne che però non lo divertono quanto la spontaneità e l’ingenuità di Gigì di cui finisce per innamorarsi. «A mio parere - continua “l’uomo dell’operetta” - , i veri punti di forza di questo musical sono lo sviluppo e l’evoluzione dei personaggi e le tante, spettacolari scene di massa. Questa Gigì vorrei dunque che fosse, anche per il pubblico, come respirare una boccata di aria pura». Intanto domani e mercoledì mattina al De Micheli prosegue anche la stagione dedicata ai giovanissimi. Sotto i riflettori arriva infatti “Controvento. Storia di aria, nuvole e bolle di sapone”, regia di Ted Luminarc. Il nuovo spettacolo in “solo” di Michele Cafaggi, clown e attore che da molti anni lavora con la tecnica delle bolle di sapone. Ogni spettacolo nasce da una ricerca sulle tecniche, gli oggetti e le storie da raccontare. Spettacoli senza parole dove magia, clownerie, bolle di sapone e arti circensi si fondono per dare vita a spettacoli di raffinato divertimento adatto ad un pubblico di ogni età. Per informazioni, dettagli e prenotazioni: 0532 864580.
 

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista