Quotidiani locali

Troppe tragedie Per Teresa il motto è riderci sopra

Mannino al De Micheli con “Sento la Terra girare” «Stavolta non parlo di me ma del mondo esterno»

Alla fine è la stessa autrice e interprete a faticare nel trovare le parole giuste per spiegare il suo nuovo spettacolo. Ma la parola d’ordine sarà una sola: ridere. D’altronde, considerando che l’autrice dei testi (con Giovanna Donini), regista e attrice in questione è Teresa Mannino, è quasi inevitabile immaginare che domani sera a Copparo se ne sentiranno delle belle, all’insegna del divertimento.

La nota attrice siciliana da pochi giorni (debutto il 26 e 27 gennaio a Broni) ha iniziato la tournée del suo nuovo spettacolo, “Sento la Terra girare”, il racconto di una donna che vive chiusa in un armadio e un bel giorno decide di uscire, scoprendo un mondo che va a rotoli per le cause più disparate, tra zumba, bonus bebé, fake news. Così decide di tornare nel più rassicurante armadio, ma ormai è troppo tardi...

«Certamente cambia qualcosa rispetto agli altri spettacoli - ammette la Mannino, alla prima intervista in assoluto sul nuovo lavoro -, se prima proponevo una comicità quasi adolescenziale perché raccontavo vicende personali, stavolta getto uno sguardo all’esterno. Lo stimolo per scrivere il testo è diverso, ma al centro resta il linguaggio comico e chi lo ha visto finora addirittura ha detto che è più comico degli altri. Non pensavo, anche perché gli eventi esterni che guardo più che drammatici li definirei tragici. Va detto che dopo la prima stesura, ho eliminato tutta la parte di dati delle mie ricerche e riferimenti troppo diretti alle tragedie di cui parlo. In fondo, quello che chiedo durante la serata è attenzione, non a caso lo apro recitando la poesia “Disattenzione” (di Wislawa Szymborska, ndr), perché bisogna prestare attenzione a tutto ciò che accade, non solo a teatro...».

Nella sua carriera ha provato tutti i campi dello spettacolo: doppiatrice per cartoni, attrice al cinema, ovviamente teatro, l’enorme successo di “Zelig” e anche la radio: ma Teresa cosa preferisce?

«Spesso rinuncio a un progetto perché non aderisco del tutto allo stesso, per me conta poter dire quello che voglio. Ecco perché in questo momento prediligo il teatro o la radio, altrimenti andrebbe bene ogni mezzo».

E un programma in prima serata tutto suo, al pari dei comici più celebrati in Italia?

«Per chi produce programmi televisivi, la prima serata ha un problema se vogliamo definirlo così: deve riscuotere notevoli ascolti per poter vendere la pubblicità, quindi è tutto legato allo share. Diciamo che per arrivare a fare programmi di quel tipo bisogna avere un notevole grado di popolarità ed essere molto bravi, chissà se sono già all’altezza per farlo...».

Visto il tutto esaurito che ha già realizzato per domani sera a Copparo diciamo che la sua popolarità è già altissima: cosa promette agli spettatori del De Micheli?

«Risate, perché nelle prime serate è sempre andata così. E prometto anche una passione, quella che avrò nei confronti degli spettatori, sperando di essere ricambiata».

Il tour teatrale si presenta molto intenso con oltre 60 serate in tre mesi...

«Devo ammettere che è bellissimo, perché di fatto - scherza la Mannino - il pubblico ha risposto talmente in anticipo che ancora dovevo iniziare a scrivere lo spettacolo... In pratica, nella maggior parte dei teatri la prevendita ha subito ottenuto il tutto esaurito e questa, per me, è indubbiamente una grande dimostrazione d’affetto. Poi a queste prime 60 date già ne stiamo aggiungendo più del doppio, tanto che arriveremo a 150 entro la fine dell’anno».

«Ripeto - conclude l’attrice e filosofa (è laureata all’Università di Palermo) -, devo ancora vedere in maniera distaccata questo spettacolo, perché è talmente fresca e vicino nel tempo la scrittura che ancora non ho avuto il tempo di analizzarlo completamente. Ma le prime risposte del pubblico sono state più che positive e spero che lo stesso possa accadere anche dalle vostre parti».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon