Energia pulita all'azienda Famar

La sede della Famar in via Bologna e Simonetta Monica Talmelli

Installato sul tetto un nuovo impianto fotovoltaico

 Una produzione annua di circa 220mila kilowatt, possibile grazie ad una potenza di 200 kw realizzata da 845 pannelli installati sul tetto in modo totalmente integrato. Completa bonifica del tetto dello stabilimento dai pannelli di eternit utilizzati oltre 20 anni fa per la costruzione. La Famar di Ferrara, azienda del settore tessile abbigliamento, punta così decisamente sulla produzione ecocompatibile e sulla sostenibilitá ambientale, raggiungendo il doppio obiettivo di bonifica e di produzione di energia pulita.  «Crediamo che investire sulla riqualificazione energetica e ambientale della nostra impresa - spiega Simonetta Monica Talmelli, titolare di Famar e vice presidente di Unindustria Ferrara - rappresenti un investimento conveniente sia dal punto di vista economico-finanziario, del quale un'azienda non puó non tener conto, sia da quello strettamente etico, perché la nostra scelta decisa verso un'azienda sempre più eco-compatibile puó rappresentare l'esempio e la dimostrazione di come sia possibile produrre e risparmiare investendo sulle nuove tecnologie in campo ambientale».  Con l'intervento strutturale completato proprio nelle scorse settimane, l'azienda puó avvalersi dei benefici fiscali previsti per questo tipo di iniziative e vede diminuire in modo significativo i costi energici. Non si tratta peró di una novitá per l'azienda: vanno infatti segnalati anche gli altri interventi giá realizzati, come la coibentazione superiore per l'ottimizzazione dell'impianto di riscaldamento, la sostituzione di tutte le fonti di illuminazione con lampade a risparmio energetico, la raccolta differenziata in tutti i reparti dell'azienda. Il valore complessivo dell'investimento, che comprende il rifacimento del tetto e l'installazione dell'impianto fotovoltaico, è stato pari di circa 900 mila euro, realizzato anche grazie alla patnership finanziaria del gruppo Cassa di Risparmio di Ferrara.
La guida allo shopping del Gruppo Gedi