Rapina una ragazza: preso

Fermato l’aggressore di una giovane, le aveva sbattuto la testa contro il distributore delle sigarette

Nella mattinata di ieri il personale delle Volanti, transitando in via Cassoli, notava un uomo che poteva corrispondere alla descrizione di un rapinatore che, nella nottata antecedente, aveva aggredito una ragazza in via Mazzini e le aveva sottratto portafogli e cellulare.

L'uomo, alla vista della macchina della polizia, si dava alla fuga a piedi, ma veniva raggiunto in viale IV Novembre. L'individuo, un marocchino di 34 anni, prima di essere bloccato estraeva dalla tasca un oggetto cercando di disfarsene: gli agenti lo recuperavano subito, appurando che si trattava di un telefono cellulare.

Lo straniero veniva accompagnato in questura per gli accertamenti del caso.

Le verifiche effettuate sul telefono cellulare permettevano di accertare che questo era in uso a una ragazza che la scorsa notte era stata aggredita alle spalle mentre era intenta a prelevare da un distributore automatico delle sigarette, il rapinatore le aveva fatto sbattere con forza il volto sul vetro del distributore automatico, quindi si era impossessato del portafogli e del cellulare e si era dato alla fuga.

La ragazza, invitata in Questura, riconosceva senza ombra di dubbio il marocchino come il suo aggressore, pertanto l'uomo veniva posto in stato di fermo di indiziato di delitto, in quanto ritenuto responsabile del reato di rapina e trasferito nella locale casa circondariale come disposto dall'autorità giudiziaria.