Astrolabio Cronisti dal carcere

«Quando scrivo, mi sento vivo, mi sento libero». Questa la frase incisa sulla targa che da venerdì - dopo una coinvolgente e sobria cerimonia di inaugurazione - accoglie i collaboratori ospiti del...

«Quando scrivo, mi sento vivo, mi sento libero». Questa la frase incisa sulla targa che da venerdì - dopo una coinvolgente e sobria cerimonia di inaugurazione - accoglie i collaboratori ospiti del carcere di via Arginone a Ferrara, nei nuovi spazi della redazione del carcere , frutto della concreta collaborazione fra il Comune di Ferrara e e la Casa Circondariale di Ferrara. Tra le diverse e articolate iniziative all'interno del carcere, come il teatro, lo sport e altre attività ricreative, artistiche e manuali di vario genere, vi è infatti anche la redazione e la stampa del periodico “Astrolabio - Il giornale del Carcere di Ferrara”, un periodico che descrive attraverso articoli e racconti, scritti principalmente dai detenuti, la realtà vissuta all'interno della struttura, sempre nell'ottica di uno stretto rapporto con la città.

All'incontro inaugurale sono intervenuti, tra gli altri, la direttrice Carmela Di Lorenzo, l'assessore comunale Chiara Sapigni, rappresentanti delle associazioni e cooperative sociali che operano all'interno del carcere, i sei redattori ospiti della Casa circondariale accompagnati da Iosto Chinelli, esperto di comunicazione informatica, che per conto delle istituzioni segue tutto il progetto.