La lotta all’evasione non decolla

A Ferrara lo stesso rimborso 2012, cifre simboliche agli altri Comuni

La collaborazione con l’Agenzia delle entrate per scovare l’evasione fiscale non è ancora di moda nei Comuni ferraresi, forse perché i ritorni economici restano poco significativi. Ne sono conferma le più recenti erogazioni del Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Interno, che restituisce a Ferrara 213.064,62 euro come partecipazione al contrasto dell’evasione fiscale e contributiva. Si tratta in sostanza di una percentuale delle somme accertate grazie alle segnalazioni degli uffici comunali all’Agenzia delle Entrate. La cifra 2013 è in linea con quella dell’anno prima, cioè 207mila euro. Gli altri Comuni seguono a grande distanza, con Copparo che supera di poco i 15mila euro (ha quadruplicato il risultato 2012) e Codigoro, Cento, Sant’Agostino e Bondeno molto al di sotto. Per Berra siamo a livello meno che simbolici, 358,36 euro, mentre l’anno scorso il piccolo centro del Copparese aveva raggranellato oltre 7mila euro.

Nella lista pubblicata dal ministero non compaiono altri centri del Ferrarese: per alcuni enti «si è proceduto alla sospensione del pagamento in considerazione della mancata trasmissione delle certificazioni relative al rendiconto di gestione dell’anno 2012». C’è tempo fino al 20 novembre per mettersi in regola e incassare.