«Siamo contro l’abbattimento di volpi, nutrie e piccioni»

Dal 1 gennaio 2015 sarà possibile procedere all'abbattimento delle volpi utilizzando i cani in tana, un procedimento sul quale le associazioni Oipa, Lav, Enpa , Animal defenders e Animal liberation...

Dal 1 gennaio 2015 sarà possibile procedere all'abbattimento delle volpi utilizzando i cani in tana, un procedimento sul quale le associazioni Oipa, Lav, Enpa , Animal defenders e Animal liberation hanno già precedentemente dimostrato il loro disappunto, ritornato fortemente l'altra sera durante un incontro presso la sede dell'Oipa al Grattacielo anche se all'ordine del giorno vi era lo spinoso problema delle nutrie e del loro abbattimento.

«Se per la situazione riguardante le volpi utilizzeremo anche strumenti quali le segnalazioni al Cfs o alla vigilanza zoofila-venatoria specie per i casi ritenuti di presunto maltrattamento per gli stessi cani, non saremo meno attivi per quanto riguarda le nutrie» è stato sottolineato dai singoli rappresentanti delle associazioni animaliste tra cui vi era anche Irene Marzola del M5S.

«Cercheremo infatti gli strumenti - hanno spiegato gli animalisti - per dare risposte efficaci ai piani di abbattimento da più parti invocati per controllare o sterminare non solo le nutrie ma anche volpi, corvidi e piccioni (per questi ultimi sappiamo che sono stati stanziati a favore dell'ospedale di Cona 29.400 euro iva esclusa), sia nel Comune di Ferrara che in altre realtà della nostra Provincia». ( mar.go)