Il volo di Alex non è più un sogno

Alex davanri all'aereo con mamma Sonia, papà Glauco e la sorella Michelle

Ieri il piccolo malato a bordo di un Cessna su Valle Gaffaro. Si può aiutare il bimbo con una T-shirt

COMACCHIO. “Il volo di Alex” non è solo il nome della t-shirt stampata dall’associazione onlus “Sostengono gli eroi, se il gioco si fa duro è da giocare”, fondata da Bianca Luciani, ma è un altro dei sogni esauditi al bimbo comacchiese, affetto da una grave patologia. Ieri pomeriggio il piccolo Alex insieme ai genitori Sonia e Glauco è salito a bordo del Cessna 182, decollato da Valle Gaffaro, per un volo panoramico tra la costa e le valli di Comacchio. «Alex è sempre rimasto affascinato dalla scia bianca che lasciano gli aerei in volo – ha commentato entusiasta la mamma Sonia – ed era il suo sogno quello di volare. Bianca è stata magnifica, perché in un solo giorno, visto che siamo appena tornati da un ricovero a Cona, è riuscita a organizzare questa bella sorpresa per Alex. È una giornata splendida per tutti noi». Prima del volo, con l’adrenalina a mille, Alex, dispensando sorrisi a tutti, anche davanti agli obiettivi dei fotografi giunti appositamente per immortalare i momenti più significativi, ha più volte esortato il pilota con un «dai, andiamo, si parte!».

Alex in braccio al pilota Umberto Carli

A quota di 500 metri l’aereo turistico ha sorvolato i lidi sino alle saline, lambendo anche le valli, il centro storico di Comacchio, per poi fare rientro a Valle Gaffaro. Al termine il pilota Umberto Carli ha consegnato al piccolo turista l’attestato relativo al battesimo del volo. «È rimasto impressionato dal Trepponti e dalle auto – ha commentato la mamma Sonia -, perché gli sembravano modellini, ma come noi è rimasto incantato dalla bellezza delle colonie di fenicotteri rosa nelle saline». Bianca Luciani con l’associazione onlus creata per dare un aiuto alla nipote Anais, affetta da una patologia seria, ora sta prodigandosi per la causa del bimbo comacchiese e della sua famiglia.

«Abbiamo stampato le maglie del volo di Alex, e chi desidera averle può rivolgersi alla parrucchiera Elisa di Via Bonnet o al negozio di alimenti biologici di Susanna Beltrami in Via Sambertolo a Comacchio. Tutto il ricavato andrà alla famiglia di Alex». Nei prossimi giorni Sonia e Glauco accompagneranno il figlio a Padova per il primo consulto, in attesa di un intervento molto delicato. «I genitori dovranno rimanere a Padova con Alex – ha aggiunto Bianca – e quindi vogliamo sensibilizzare tutti, visto che ciascuno può dare il proprio sostegno, perché è vero che le cure sono gratuite, ma le spese che affrontano le famiglie di chi è ammalato come Alex sono elevate, tra viaggi, alimenti, permanenza lontano da casa per assistere i figli durante la degenza».

Katia Romagnoli

La guida allo shopping del Gruppo Gedi