Nasce “Bimbilacqua” Il grande cuore di un piccolo paese

La nuova associazione presenta gli obiettivi. Tante le idee ma sempre gli stessi protagonisti: i bambini

BEVILACQUA

«Con Bimbilacqua, un girotondo di mani, un paese che sorride e tante iniziative per le scuole e il paese. Protagonisti, sempre, i bambini».

Sono gli obiettivi della nuova associazione, nata a Bevilacqua lo scorso febbraio.

In occasione dell'assemblea pubblica che si è svolta lunedì sera nella consulta del paese, il neonato gruppo di volontariato si è ufficialmente presentato a comunità ed istituzioni. Per parlare degli aggiornamenti relativi alla costruzione della nuova palestra di Bevilacqua, nella sala del campo sportivo erano presenti infatti, per il Comune di Cento, gli assessori Pier Paolo Busi e Maria Rolfini, e l'architetto Maurizio Caretti dell'ufficio tecnico, mentre per Crevalcore (Comune vicino del Bolognese) l'assessore Pino Tamburella. Invitati dal presidente della consulta civica sono stati anche Nico Landi, Claudio Bonora e Valeria Foceri (al contempo presidente e segretaria di Bimbilacqua) che hanno presentato il consiglio direttivo dell'associazione, composto da Francesca Vecchi (vicepresidente), Alba Ardizzoni (tesoriere), Pamela Signani, Paolo Gilli, Ciro Di Ruocco, Claudia Tassinari e Rita Cavicchi.

«Quest'associazione – hanno spiegato – nasce da una duplice esigenza: da un lato la necessità di sostenere la scuola dell'infanzia e la scuola primaria del paese, dall'altro la volontà di riportare in vita eventi che per anni si sono svolti in paese. Pensiamo a scampagnate, carnevale, befana, oratorio domenicale, spettacoli in piazza, e tanti altri progetti ed eventi culturali a cui dare vita insieme ai bevilacquesi, ai Comuni, alle scuole e alle altre associazioni del paese».

Tra le attività di Bimbilacqua, già riconosciuta tra le associazioni per avere assicurazione e tutele legali, non solo il sostegno nelle scuole, già avviato da qualche anno, a quei bambini le cui famiglie si trovano in difficoltà economiche, ma anche raccogliere fondi per dare risposte concrete ai bisogni delle scuole stesse.

Nel logo, come nella mission del gruppo, «solidarietà, legame con il passato e le tradizioni, divertimento, informalità e allegria».

Tante le iniziative in mente, tra cui «uno spazio da destinare a biblioteca, un luogo d'incontro dove svolgere anche il doposcuola. E tanto altro, per creare a Bevilacqua una socialità piena ed emozionante, e una comunità attiva».

Dall'assessore alla scuola Rolfini il primo invito, accolto con favore da Bimbilacqua, a collaborare per realizzare proprio a Bevilacqua (dopo Cento e Renazzo che partiranno l'8 aprile), il terzo percorso di Piedibus nel Centese.

Per info, proposte e iscrizioni (gratuite): bimbilacqua@gmail.com. Veramente una bellissima iniziativa.

Beatrice Barberini

©RIPRODUZIONE RISERVATA