Tutti mobilitati per aiutare Alessia a vincere il tumore

La coppia di Cesta vive a Sydney, appello del marito «Ogni aiuto è decisivo, mia moglie ha la forza per lottare»

CESTA. Prosegue la mobilitazione anche nel Copparese, per aiutare Alessia Bottini, una donna di 34 anni che sta lottando contro un tumore al seno. Alessia era partita per Sydney in Australia pr studiare inglese. Dopo un paio di mesi passati alla Ilsc Education Group, era già in grado di parlare abbastanza per trovare un lavoro come pasticcera, la sua qualifica professionale, in un ristorante italiano. Da allora fino allo scorso settembre ha continuato a studiare la mattina e a lavorare pomeriggio e sera, ha deciso di continuare gli studi per altri tre anni, sempre presso l’Ilsc e diplomarsi in Business. Il marito, Erich Tropeano l’aveva seguita fin laggiù per supportarla nel suo desiderio.

«In quel periodo aveva un lavoro ed era felice - sottolinea lo stesso marito - amava la nostra nuova casa e la nostra nuova vita. Tutto andava per il meglio, la vita era praticamente perfetta. Sfortunatamente, tutto è cambiato di lì a poco, il 23 dicembre, quando ha scoperto di avere un cancro al seno in stadio avanzato, tecnicamente terzo stadio. Saperlo è stato un duro colpo, ma ancora peggio è stato sapere del tipo particolare di cancro che ha, HER2 positivo, che aveva anche intaccato i linfonodi con il rischio di diffondersi ad altri organi. Alessia -prosegue il marito - ha iniziato i primi tre mesi di chemioterapia a gennaio. Dopo questa terapia, dovrà fare altri tre mesi di trattamento con cadenza settimanale. Quindi sottoporsi all’intervento, ed in seguito alla radioterapia. Prima della chirurgia ricostruttiva, dovrà fare altre chemioterapia. Ciò significa almeno un anno di trattamenti ed interventi. Lei ha la forza per non mollare fino alla fine. Qualsiasi aiuto è ben accetto. Grazie di cuore». Tra le prime a mobilitarsi la comunità di Cesta, paese di origine di Alessia, la stessa Copparo, tramite l’Ant e Berra dove la locale associazione Cultura e Spettacolo Berrese ha infatti deciso che l’incasso della commedia dialettale "La Tosca a New York...u Dio mama" scritta e diretta da Franca Faccini e Paola Finessi, che sarà presentata sabato 18 alle 21 presso il teatro dalla Compagnia dialettale Insieme per Caso sarà devoluto ad Alessia Bottini. «Un piccolo gesto da parte di ognuno di noi - affermano i responsabili dell'Acs Berrese - può aiutarla a curarsi». Altre iniziative sono in cantiere nel Copparese per poter aiutare Alessia». Per dare il proprio contributo si può andare sul link: www.gofundme.com/alebot o tramite bonifico IT96P0760105138204631504634, in posta o in tabaccheria ricarica PostePay 5333171009170529 intestata alla sorella Chiara Bottini.