Con il nuovo portale l’agricoltura ora è 2.0

All’iniziativa Unioncamere hanno già aderito oltre venti aziende ferraresi Govoni: «Una vetrina per far conoscere ad ampio raggio le nostre eccellenze»

Un'applicazione per smartphone per far incontrare consumatore e azienda agricola, la piattaforma web per chi cerca la produzione a km 0, alveari urbani, la piattaforma digitale di servizi e applicazioni per semplificare le attività in agricoltura e ridurre lo spreco di risorse primarie, la community per incontrare nuovi amici a tavola. Sono oltre 20 le imprese ferraresi accreditate su Italian Quality Experience, il portale nato per iniziativa di Unioncamere e delle Camere di commercio in occasione dell'Expo 2015 e che promette di far conoscere al mondo la complessità del modello produttivo agroalimentare italiano, composto da circa 700mila imprese della filiera allargata.

«L'agricoltura ferrarese - ha sottolineato il presidente della Camera di commercio, Paolo Govoni - è un settore che è cresciuto nel segno della qualità e che continua a svilupparsi scegliendo la via dell'eccellenza. Non a caso, il nostro agroalimentare è tra i leader indiscussi nella qualità e grazie a 10 tra Dop e Igp è tra i più forti in Italia per prodotti 'distintivi'. Mentre è meno noto - ha proseguito Govoni - l'universo delle tante imprese che hanno reso e rendono possibile questo miracolo ogni giorno. La Camera di commercio è consapevole che è difficile dare la rappresentazione di un sistema così complesso e della ricchissima varietà di imprese, dalla più grande alla più piccola, che sono distribuite su tutto il territorio provinciale, che operano in più settori, che si intrecciano tra loro in diversi legami di filiera. Credo però che il portale abbia trovato una chiave di lettura che penso possa facilitarne la comprensione».

Ma Italian Quality Experience è anche uno strumento per promuovere l'Italia all'estero. Perché attraverso i racconti e i video delle filiere dell'agroalimentare resi disponibili nel portale, anche grazie alla collaborazione con Symbola e con la RAI, si può vivere una sorta di "viaggio esperienziale" in grado di stimolare l'interesse del navigatore verso quei territori dove si trovano le produzioni e la grande ricchezza di beni culturali e paesaggistici che li circondano. Un modo per portare l'Expo fuori dall'Expo.

Con Italian Quality Experience si concretizza così uno dei primi progetti inseriti dal Governo in Agenda Italia 2015 per l'Expo, patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, dal Ministero dei Beni, le Attività Culturali e il Turismo, dal Ministero dell'Ambiente e, per le attività di promozione all'estero, dalla Expo 2015.

Il portale in numeri

d oggi sono quasi 700mila le aziende della filiera allargata dell'agroalimentare inserite nella piattaforma web Italian Quality Experience. Un variegato ecosistema produttivo messo per la prima volta sotto la lente di ingrandimento in un unico portale così composto in rapporto alle diverse filiere: 1.292 imprese di olii di semi; 185.593 di ortaggi e frutta; 14.948 di fiori, miele, spezie e condimenti; 82.416 di vini, spumanti e distillati; 2.782 di cacao, cioccolati e pasticceria; 1.905 di caffè, tè, succhi e acque minerali; 46.057 di latte e formaggi; 177.179 di cereali, pane, pasta e dolci; 612 di riso; 12.988 di produzione ittica; 109.565 di allevamento, carni e loro lavorazione; 409 di birre; 889 di chimica per l'agricoltura; 6.892 di macchine per la produzione agroalimentare; 47.847 di olio d'oliva.

Migliorare il proprio profilo è semplice e a costo zero

Per aumentare il livello di visibilità ogni azienda può aggiungere e aggiornare le informazioni sulla propria attività. Le imprese con più informazioni certificate - fa sapere la Camera di commercio - verranno riconosciute come più qualificate e, quindi, saranno anche quelle maggiormente visibili. Perché lo spirito del progetto è di "Portare tutti" ma "Tutti in modo diverso" per "Raccontare l'eccellenza e la sua diversità" al mondo intero. Basta, dunque, registrarsi gratuitamente sul portale.