Via palestro: ecco come il termometro è salito ieri per il caldo

Ieri prima domenica del mese, ingresso gratuito ai Musei nazionali; anche a Ferrara i turisti ed i visitatori non sono mancati

Ieri prima domenica del mese, ingresso gratuito ai Musei nazionali; anche a Ferrara i turisti ed i visitatori non sono mancati - a metà mattinata erano oltre 100 in Pinacoteca a Palazzo Diamanti - ma qui, oltre alle meraviglie del nostro patrimonio artistico, sono stati accolti anche da un grande caldo.

Nel palazzo cinquecentesco proseguono infatti i disagi legati alle alte temperature di questi giorni che - come informa l'operatrice- rendono le visite molto più brevi del solito. Nel nostro famoso Museo gli estremi decisamente si toccano; d'inverno senza riscaldamento fa molto freddo ma almeno ci sono i cappotti, le pellicce, i guanti ed i berretti a proteggerci; ma d'estate con quasi 40° ed una forte umidità oltre ad un ventaglio non vi sono altre risorse.

«In alcune sale abbiamo aperto qualche finestra - prosegue l'operatrice l'unica che trovandosi alla cassa può usufruire di un ventilatore - ma se ci batte il sole forse sarebbe più giusto tenerla chiusa perché entra un po' d'aria ma anche del calore. A dire il vero se prima d'inverno funzionava almeno il riscaldamento, per l'estate non abbiamo mai avuto un impianto di refrigerazione , però non c'erano neppure questi caldi africani . Non vedo via d'uscita se non sperare che rinfreschi naturalmente».

Nonostante il clima poco invitante, sono pronti per luglio, tre appuntamenti che si terranno sempre alle 17. L'iniziativa " Pomeriggio in Pinacoteca", partirà giovedì 9 con la conferenza di Nadia de Lutio su " Di volto in volto. I Villa a Ferrara: una famiglia e una città"; secondo incontro il 16 con relatore Rocco Somma che parlerà di " Cronache dal panorama: breve itinerario nella pittura di paesaggio" per chiudere il 23 con Emanuela Fiori e Elena Zilio relatrici di "”Un misterioso pittore del 500: dialogo sul Maestro dei Dodici Apostoli”. Ovviamente nelle speranza cheil caldo dia un po’ di tregua anche se per oggi e e domani l’Arpa indica Ferrara, come una zona ad alto disagio. (m.g.)