Revocata l’ordinanza L’acqua è tornata pulita

I bagnini tirano un sospiro di sollievo: «È stato un incubo, che sia l’ultima volta» «I Bagni erano pieni: la gente ha scoperto le diverse alternative al mare»

LIDO SPINA. Ieri mattina alle 9 è arrivata in Comune la conferma ufficiale del rientro dei parametri batterici nel tratto di costa, che aveva comportato martedì sera, l’adozione del divieto di balneazione al Lido di Spina, dal bagno Haiti al bagno Virna. Immediatamente il sindaco Marco Fabbri ha revocato la precedente ordinanza, sulla base dei nuovi campionamenti a mare effettuati dall’Arpa il 7 luglio, dai quali è emerso il rientro nella normalità dei parametri batteriologici. «Analoghi risultati sono stati accertati da laboratori terzi incaricati dall’amministrazione comunale – ha spiegato il sindaco -, e ci auguriamo per il futuro che la tecnologia faccia passi in avanti, consentendo di realizzare monitoraggi istantanei con possibilità di attuare chiusure preventive e non più successive». Esultano di gioia naturalmente gli operatori del Lido di Spina, per la prima volta toccati da un provvedimento di chiusura temporanea della balneazione. «Appena abbiamo ricevuto la conferma ufficiale dal Comune –ha commentato Marco Magnani, presidente della cooperativa degli stabilimenti balneari dei Lidi Estensi e Spina - abbiamo tolto i cartelli di divieto. Eravamo un po’ in apprensione per gli esiti dei prelievi quando il Comune ha dovuto adempiere ad obblighi di legge, dopo che l’acqua era già a posto. Ringrazio il sindaco perché si è adoperato in modo celere per risolvere questa problematica». Ieri mattina soffiava un forte vento di levante, che ha rinfrescato l’aria, e in tanti hanno cercato refrigerio proprio in spiaggia, dopo giorni di caldo torrido. «Potrà sembrare un’eresia – ha spiegato Magnani -, ma nei giorni del divieto di balneazione si è lavorato un casino, come ai tempi della mucillagine, perché tutti stavano attorno al bagno, non si sono viste scene di isterismo e si sono apprezzate le tante alternative che offre la spiaggia, dal baby club, alle piscine, all’acquagym, alle bocce e alle carte da gioco». Magnani invita tutti a raggiungere i lidi Estensi e Spina, perché oltre al mare limpido troveranno spiagge confortevoli con i servizi consueti. Dello stesso tenore l’intervento di Marcello Mieti, direttore del camping “Mare e Pineta” del Lido di Spina, interessato come alcuni bagni dal divieto poi revocato. «È stato un incubo, per fortuna durato poco – ha ammesso Mieti – perché da noi non era mai successo e i turisti non capivano da dove arrivasse l’emergenza, dato che l’acqua era cristallina e limpida e quindi tutti sono andati in acqua ugualmente. Per fortuna abbiamo animazione, spettacoli, piscina e attività alternative. Speriamo però che non si verifichi più».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi