I nuovi Maestri artigiani protagonisti del lavoro

A Bondeno consegnati i riconoscimenti dell’Accademia e le targhe San Giorgio agli imprenditori che si sono particolarmente distinti nella loro attività

BONDENO. Il Centro 2000 è stato teatro ieri della cerimonia di consegna delle onorificenze di Maestro Artigiano e delle Targhe San Giorgio a quegli artigiani che si sono particolarmente distinti nella loro attività. L'iniziativa era a cura del consiglio direttivo dell'Accademia dei Maestri Artigiani, Arti e Mestieri, tramite il presidente Elleno Zecchini ed il suo vice Roberto Chiarion, che come referenti locali hanno avuto la collaborazione del coordinatore dell'Alto Ferrarese Ettore Bergamini e del suo vice Folco Barbieri. La sala 2000 era piena in ogni ordine di posti, perché tanti familiari ed amici hanno voluto assistere alla premiazione di persone che, da sempre sono abituate a lavorare senza mai guardare l'orologio e non curarsi se si tratta di giorno festivo o feriale. L'amministrazione comunale era presente con il sindaco Fabio Bergamini, che ha portato il saluto ai convenuti, ed il vice Simone Saletti che ha fatto gli onori di casa. Per la parte istituzionale presenti anche il sindaco di S. Agostino , Fabrizio Toselli, e l'assessore di Cento, Pier Paolo Busi, avendo loro concittadini tra i premiati. Al tavolo dei relatori anche Carlo Alberto Roncarati, presidente Caricento, e Paolo Govoni, presidente Camera di Commercio, oltre ai vertici delle principali associazioni di categoria. Marco Capellari, portavoce dell'Accademia, ha chiamato singolarmente tutti i premiati per la consegna delle onorificenze, Si è iniziato con le Targhe San Giorgio della Camera di Commercio, che sono andate a Anna Bega, la prima a creare un salone da estetista nel territorio di Bondeno, e Roberto Ansaloni, con impresa edile a Settepolesini, che ha sottolineato che per fare l'artigiano bisogna armarsi di coraggio. Maestri Artigiano sono stati nominati a Marco Cornacchini, con impresa autonoleggi a Pilastri, Massimo e Mario Chiavelli che vorrebbero tanto portare gli alunni delle scuole a visitare la loro falegnameria ma non ci riescono per motivi burocratici. Michele Raisa con attività di carpenteria leggera a Settepolesine che ha voluto condividere il premio con la moglie e la figlia, Marta e Mario Guerzoni, storici mugnai di Bondeno, che hanno dedicato il premio al loro padre, Stefano Accorsi titolare di un'attività di posa in opera pavimenti a Sant’Agostino, Massimiliano e Marco Zerlotin, panificatori di Cento, i nel Guinness dei primati avendo realizzato una ciambella lunga un chilometro. Infine Devid Fiorini di appena 33, con officina meccanica a Ferrara, il più giovane dei nuovi Maestri Artigiani avendo dovuto, a soli 23 anni, subentrare nella guida dell'azienda al padre scomparso prematuramente. Terminata la consegna dei premi si è svolta, sempre nella sala 2000, la cerimonia della deposizione del Cero votivo e poi don Marcello Vincenzi ha celebrato la messa.

Giuliano Barbieri