Spiragli nella trattativa sulla solidarietà

L’azienda dà appuntamento per domani o lunedì. Leasing, altra proroga e Capitanio è commissario

Ancora non c’è la data per l’assemblea del personale Nuova Carife con il presidente Roberto Nicastro come ospite. L’incontro di ieri tra azienda e sindacati si è rilevato interlocutorio, in quanto la dirigenza intendeva solo parlare dell’apertura straordinaria del sabato mattina, il 13 febbraio, studiata per lanciare nuovi prodotti. I rappresentanti aziendali dei lavoratori ne hanno approfittato per ribadire la loro richiesta di riaprire in tempi brevi il tavolo su solidarietà e integrativo, e l’azienda ha dato disponibilità per domani o lunedì prossimo. Ci dovrebbe essere stavolta un rappresentante di Nuova Carife dotato di deleghe in grado di trattare. I rappresentanti sindacali si erano detti delusi delle mancate risposte in proposito dell’amministratore delegato, Giovanni Capitanio, in occasione dell’audizione in commissione comunale, e avevano appunto ipotizzato di rivolgersi direttamente a Nicastro.

Nel frattempo Bankitalia ha prorogato ancora una volta l’amministrazione straordinaria di Commercio e Finanza, la controllata napoletana del leasing, che andrà avanti con questa governance fino al 5 marzo. Il tetto dei due anni di commissariamento sarebbe raggiunto il 5 maggio, a Napoli gira voce che però quella con decorrenza 5 gennaio sarà l’ultima prima, forse, dell’incorporazione. Il commissario è proprio Capitanio che si trova quindi ad indossare due abiti molto diversi e particolari.