L’Udi celebra domani la festa della donna

Tante iniziative promosse a Ferrara e in molti paesi della provincia nel segno dei diritti

L’Udi si appresta a festeggiare l’8 Marzo nel segno dei settantesimi da celebrare. 70 anni fa le ci fu il primo voto delle donne e sett’anni fa venne scelta la mimosa come simbolo dell’8 Marzo. A Ferrara l'Udi sarà in piazza Trento Trieste dal mattino con il “ Gazebo della mimosa”; Docucu-mostra sui 70°: diritto di voto alle donne, mimosa e ripresa dell'8 marzo. Alle ore 11,00 Flash mob poi Viaggio di un “Diritto di cittadinanza” con letture dell'attrice Alessia Passarelli. Ci saranno i canti del Coro delle Mondine di Porporana. L'8 marzo è ripreso nelle piazze e nelle case con mimosa, mostre, dibattiti, flash mob, cori, film, performance, cene. Previste inziiative dell’Udi a Montalbano, Porotto, Quacchio, Ravalle Ro, Codigoro, Comacchio, Rovereto, Valcesura, Ariano, Anita Argenta, Bando, Filo, Codifiume, San Biagio, Ospital Monacale, Portomaggiore, Portoverrara, Gambulaga, Bondeno, Scortichino, Pilastri, Vigarano, Poggiorenatico. Centri sociali di Acquedotto, Rivana, Il Melo; organizzazioni e luoghi di lavoro di Ado, Casa di Riposo, Cia, Cna, Camera del Lavoro e Categorie Cgil, Copma, Legacoop, Confesercenti, Polisportiva Putinati, Ospedale di Cona, Cpr System Gallo.

La mimosa è un a tradizione tutta italiana nata dall'idea, anche in questo caso, di alcune donne dell'Udi. È attribuita a Teresa Mattei e a Marisa Rodano. Come in tutte le storie belle, anche in questa non si saprà forse mai di chi sia veramente l'idea. La scelta della mimosa forse è dovuta al fatto che la sua fioritura è a marzo, forse perché a Roma e dintorni cresce spontanea, forse perché il suo costo è contenuto o forse perché per una di quelle donne è il fiore che intravvide da una finestra.